FoxLife

Sono stata a entrambi i concerti e quindi: queen Bee o Bad Gal Riri?

Rihanna o Beyoncé? Ecco 4 spunti per aiutarvi a decidere da che parte stare nella guerra per la corona di regina di San Siro (e di Milano intera). Vi basteranno?

84 condivisioni 26 commenti 4 stelle

Share

di Tania Loschi

Luglio è sempre stato il mio mese preferito: iniziano le vacanze, festeggio il compleanno e le sere diventano lunghissime.

Ma questo del 2016 rimarrà imbattuto per molto; Milano ha voluto regalarmi due delle mie persone preferite dello show biz.

Rihanna e Beyoncé sono arrivate a San Siro, a distanza di 5 giorni, rispettivamente con Anti World Tour e The Formation Tour.

Io ho avuto la fortuna di vedere entrambi i concerti e finalmente ho avuto chiaro i due tipi di mondo che Bee e Riri rappresentano.

Rihanna è l’adolescenza che non finisce mai, la voglia di fare festa e sesso fino al mattino dopo; Beyoncé è la maturità, l’impegno sociale, l’immensità di una dea.

Schierarsi da una parte o dall’altra è impossibile perché stiamo paragonando due cose che, se fossero un team sportivo, non praticherebbero nemmeno la stessa disciplina.

Ma ecco una serie di punti/spunti che possono aiutare quelli tra voi che sentono l’irrefrenabile bisogno di giocare in una delle due squadre.

Riri o queen Bee? Io, nel dubbio, bacio Rihanna e sposo Beyoncé.

1) Rihanna vs. Beyoncé: l'amore

Rihanna e la sua storia terribile con Chris Brown hanno tristemente riempito le notizie dei principali siti – non solo di gossip. La faccia sfigurata di Riri ha fatto il giro del mondo, assieme a un’ondata di indignazione femminile e non. Da lì la regina delle Barbados ne esce da gran signora con un album intimo e riflessivo (piega che per fortuna dura poco) e accompagnandosi a gente del calibro di Leonardo DiCaprio. Mille sono i rumors attorno ai suoi affair, ma solo a uno voglio crede: Drake. Storia mai confermata né smentita, ma li abbiamo visti tutti nel video di Work. Le erezioni e gli sguardi non mentono mai.

Dall’altra parte abbiamo Beyoncé: due grandi amori. Il primo fidanzato lasciato perché – LUI dice – non stavano mai assieme e lei voleva conservare la propria virtù, che in realtà lascia il posto a Jay-Z attuale marito e padre di Blue Ivy (e reale motivo dello scaricamento dell’ex). L’elevator gate ce le ricordiamo tutti, Jay-Z fedele come Jamie Lannister al Re Folle di Game of Thrones, tradisce Bee con qualsiasi cosa gli passi a tiro; e lei che fa? Tira fuori un album incredibile. Lemonade è un capolavoro artistico a più livelli: umano, personale, musicale e con una spinta per l’empowerment femminile immensa. Nessuno nella storia dell’uomo è mai uscito così bene da un affare di corna.

2) Rihanna vs. Beyoncé: la musica

Qui si gioca il big match: i due sound non sono paragonabili.

La voce di Beyoncé è irraggiungibile, i suoi polmoni capienti come cisterne industriali le permettono di arrivare a note sconosciute all’orecchio umano e a gestire con disinvoltura performance live di due (DUE) ore.

Rihanna punta su altro: mostrare quanto è fi** senza per forza dover cantare per intero un suo pezzo, le basta twerkare per far impazzire il pubblico. I suoi pezzi nascono e muoiono per essere ballati su dancefloor o gasati alle feste. Non c’è nessun’altra velleità, se non quella di farci fare i bambini con le sue ballad.

3) Rihanna vs. Beyoncé: i temi

E torniamo all’intro dell’articolo, queen Bee è impegnata: non fa solo della grandissima musica, non è solo un’artista straordinaria ma è anche la voce di tante battaglie. Il femminismo, primo tema tra tutti, viene usato da Beyoncé fin dal periodo Destiny’s Child (senti Independent Woman). Con Formation dà voce a tutte le persone di colore e si unisce al movimento americano contro gli abusi di potere da parte della polizia. Più intimo, ma sempre un grande argomento, è quello sulla consapevolezza di sé al grido di Me, myself and I, un invito ad amarsi e amare. Grazie Beyoncé, ascoltandoti diventiamo tutti persone migliori.

Rihanna è più concreta e immediata, abbraccia la liberalizzazione della marijuana o almeno del suo utilizzo. Affronta di petto tutti quei ragazzi che non prendono mai l’iniziativa o che non vogliono impegnarsi sul serio e a modo suo parla di femminismo e femminilità trattando il sesso come farebbe un ragazzo: "se mi va lo faccio e domani amici come prima".

4) Rihanna vs. Beyoncé: le mosse

Rihanna ne ha due: il twerking e lo strusciare il pube contro il pavimento.

Beyoncé conosce e balla qualsiasi tipo di danza da quando ha 4 anni.

Queen Bee segna il primo punto netto.

La lista potrebbe andare avanti ancora e ancora perché per analizzare queste due semi divinità ci vorrebbero trattati che nemmeno quelli russi; ma ci facciamo bastare queste briciole delle loro vite e carriere per emettere sentenza: queen Bee o Riri?

Io rimango per palla al centro, perché scegliere quando posso ascoltarle entrambe?

Vota anche tu!

Beyoncé vs. Rihanna, chi è la vera regina di San Siro?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.