FoxLife

Angelina Jolie e Tomb Raider, tra test antidroga e pregiudizi sconfitti

di -

Dopo 16 anni dal primo Tomb Raider, emergono alcuni dettagli circa le difficoltà affrontate da Angelina Jolie per diventare Lara Croft. L'attrice è stata pronta a tutto.

Angelina Jolie nei panni di Lara Croft in Tomb Raider

216 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Angelina Jolie è sempre stata avvolta da un'aura particolare, intrigante ma a tratti ambigua e ombrosa.

Anche per questo, quando aveva poco più di 24 anni, è stata scelta per interpretare Lara Croft nel primo film dedicato alla saga di videogiochi Tomb Raider. La pellicola ha visto la luce nel 2001 ed è stato un successo straordinario in tutto il mondo: sono stati incassati all'epoca 275 milioni di dollari, abbastanza per volere quanto prima possibile l'uscita di un sequel, arrivato nel 2003.

Tuttavia, a distanza di 16 anni dal debutto di Angelina nei panni della sexy archeologa, sono trapelati interessanti indiscrezioni in merito ai tanti ostacoli che l'attrice ha dovuto affrontare per ottenere il ruolo che le ha cambiato la vita.

The Hollywood Reporter ha pubblicato un estratto del libro autobiografico della celebre produttrice cinematografica Sherry Lansing, nel team di realizzazione dei due film girati dalla Jolie per Paramount Pictures.

Sherry Leansing, un estratto della sua autobiografia su The Hollywood ReporterThe Hollywood Reporter

Quando la Jolie è stata scelta per interpretare Lara Croft, a Hollywood si parlava di lei principalmente per un controverso rapporto con il fratello e per l'ancora più inquietante legame con il marito Billy Bob Thornton (al suo fianco per tre anni, dal 2000 al 2003), molto più vecchio di lei.

Era risaputo che Angelina facesse uso di droghe e che non fosse particolarmente affidabile, ma questo aspetto la rendeva ancora più interessante agli occhi della produzione.

Angelina Jolie con il marito Billy Bob ThorntonReuters

Per questo, Sherry Leansing diede il consenso al regista Simon West di incontrare la giovane attrice sul set del film Original Sin.

Quando si incontrarono lei gli disse: 'Senti, io voglio questa parte. So che la mia reputazione è quella che è, ma farò di tutto per dimostrarvi che sono affidabile e in grado di interpretare il ruolo. Non mi importa se la produzione vuole farmi i test antidroga ogni giorno'.

Quando la producer incontrò Angelina ne rimase profondamente affascinata. La Jolie si è sottoposta al test antidroga e all'esame delle urine e più volte si è prestata a ripetere il test nel corso delle riprese.

Abbiamo voluto affiancarle un team per tenerla sotto controllo. I problemi cominciarono, però, quando il regista assoldò Bobby Klein, un terapeuta che sembrava il tipo giusto ma che in realtà rendeva tutti molto nervosi. Voleva che lei facesse bagni nel latte, meditazione e yoga e pretendeva di occuparsi di Angelina in tutto. Poi è stato allontanato dal set per presunte molestie sessuali ai danni di un'assistente e le cose hanno ripreso ad andare a meraviglia.

Angelina Jolie nei panni di Lara Croft in Tomb RaiderHDGetty

Lei è stata straordinaria: ha preso quello che poteva essere un semplice personaggio di cartone e ha aggiunto uno strato di mistero, emozione e tanta umanità.

In questi giorni stanno circolando le prime immagini del reboot di Tomb Raider con Alicia Vikander. Il film non uscirà prima del 16 marzo 2018 e sta creando tantissimo clamore proprio per la nuova Lara Croft.

Alicia Vikander in Tomb RaiderHDGetty

Alicia sarà all'altezza di chi l'ha preceduta?

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.