FOX  

Episodio 7

È il momento della resa dei conti: bisogna scegliere se scendere a patti con gli alieni o stare sempre e solo contro gli alieni…

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

È il momento della resa dei conti: bisogna scegliere se scendere a patti con gli alieni o stare sempre e solo contro gli alieni…

Doppio colpo di scena iniziale nella puntata di ieri sera di Falling Skies: prima la falsa partenza, con Jimmy che corre – in fuga da uno Skitter, temiamo, mentre invece sta giocando a calcio con tutti gli altri ragazzi – e poi l’introduzione del personaggio di Tessa, che come apprendiamo subito dal breve dialogo col padre è al corrente di quello che succede ai ragazzi che sono al rifugio (ovvero che vengono consegnati agli alieni da Clayton). Quindi il nemico “tra noi” di cui parlavamo l’ultima volta è più numeroso del previsto: non sappiamo ancora chi sia al corrente dello “scambio” di Clayton (che immagino consenta ad alcuni genitori di stare tranquilli per i propri figli: ti consegno altri ragazzi se lasci stare i miei…), ma sappiamo già che devono essere parecchi.

Poi, con nostra grande soddisfazione, Pope si libera e stende il padre di Tessa, fugge e trova i cadaveri dei soldati della Seconda Mass, uccisi da Clayton. Ci aspettiamo che Pope avverta Tom e gli altri del pericolo, ma visto che il personaggio è imprevedibile dobbiamo aspettare per scoprire se lo farà. Nel frattempo, Rick continua a dare l’impressione di essere completamente cambiato dopo l’impianto (come diceva Hal di Ben) e la sempre fastidiosa Lourdes – che pare destinata a passare le sue giornate mostrando eccessi di gelosia per Hal – trova lo zainetto di Eli, rendendosi finalmente utile al gruppo. Ma è un’altra la scena madre della puntata: quella in cui Clayton parla a Mike del suo patto con gli alieni. Come previsto, il soldato fornisce loro ragazzi in cambio di protezione per sé, per i suoi e per le loro famiglie.



Una delle questioni morali più spinose e sfruttate dalla fantascienza legata alla presenza aliena sulla Terra emerge con chiarezza: fino a che punto è lecito spingersi pur di garantire la sopravvivenza della razza umana? Quali e quanti patti si possono stringere con il nemico? Quando il mondo non è più quello che abbiamo sempre conosciuto, cosa ci impedisce di riscrivere le regole della morale? La risposta è tutta nella scelta di Mike: tentare di portare in salvo i ragazzi e, quando la situazione appare disperata, sacrificarsi per dar loro un po’ di vantaggio sugli inseguitori.

E dopo che Ben ha incontrato Tom e lo ha aggiornato sul tradimento di Clayton, dopo che Hal e gli altri sono stati trovati dai loro inseguitori, ecco il nuovo colpo di scena: quando l’uomo che sta per uccidere Hal viene ferito, pensiamo tutti che Tom sia arrivato in tempo per salvare suo figlio. Ma ci sbagliamo: John Pope è pronto a prendersi la sua rivincita su Clayton e… a fare la cosa giusta. Come nella migliore tradizione televisiva e cinematografica che riguarda i personaggi ambigui e (piacevolmente) complessi: arriva sempre il momento in cui, a sorpresa, fanno la cosa giusta…

Insieme a lui poi arriva davvero Tom, che per salvare la situazione si fa catturare, conducendo i ragazzi e gli uomini di Clayton al loro rifugio dove ci aspetta un’altra sorpresa: Ben ha avvisato i soldati di Weaver, Clayton finisce ucciso (il codice morale è chiaro: il traditore viene severamente punito), Pope viene reintegrato nel gruppo e Sarah dà alla luce la piccola Charlotte. Tutto è bene quel che finisce bene? Certo che no, in un mondo invaso dagli alieni. Perché se il “nemico tra noi”, Clayton, è stato eliminato, la fine dell’episodio ci chiarisce senz’ombra di dubbio che c’è un altro nemico infiltrato nel gruppo: Rick. Non più un uomo infiltrato fra gli uomini, ma un alieno in mezzo a noi…

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.