FOX  

Episodio 1.9 - Musica degli astri

Un nuovo episodio in cui l’azione lascia il posto ad un messaggio importante: aiutare il prossimo è più semplice di quanto pensiamo

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un nuovo episodio in cui l’azione lascia il posto ad un messaggio importante: aiutare il prossimo è più semplice di quanto pensiamo

Mentre dagli Usa arriva la notizia del rinnovo per una seconda stagione, Touch continua a seguire il suo schema narrativo consolidato: l’inizio con la voce di Jake e le immagini dei personaggi, che sono sempre nuovi ma comprendono anche il cast fisso, legato ai fatti degli episodi precedenti. Questa volta Jake ci parla della musica e della sua “magia” mentre Martin cerca di comunicare con lui facendogli usare i numeri per comporre delle parole. Ma Jake preferisce usarli per comporre delle melodie…

Melodie che Martin già sa di dover seguire, quando discute con la direttrice dell’istituto – che ha tolto il caso di Jake a Clea – per portare fuori Jake e incontrarsi con Clea, che vuole aiutarlo a capire quali segreti nasconde l’istituto presso cui lavora. Segreti che si snodano lungo la storia di Yarah e Felipe e della donna che viene minacciata con una pistola durante una rapina. La pistola che Jake ha trovato e ha pensato bene di portarsi a casa…



E che guarda caso ha un numero di serie che corrisponde ai numeri usati da Jake per comporre la sua melodia. Lo schema degli intrecci continua ad essere creativo e ricco di sorprese, mentre i personaggi – come la coppia brasiliana o il ragazzo vicino alla donna che commercia in strumenti rari (la guest star Francis Capra, Veronica Mars) – non solo vengono aiutati da Martin e Jake a cambiare in meglio le loro vite, ma contribuiscono a portare avanti la narrazione per chiarire i misteri legati alla famiglia Bohm e all’istituto.

Dalla puntata di ieri sera è emerso con chiarezza il tema dell’aiuto reciproco: Martin viene condotto da Jake nelle vite di persone che hanno bisogno di aiuto, ma non c’è bisogno di un complesso sistema di numeri per trovare persone in difficoltà. Basta guardarsi intorno: ovunque, vicino a noi, ci sono persone che hanno bisogno del nostro aiuto. Il modo in cui Martin, in ogni episodio, entra in contatto e comunica con perfetti sconosciuti, è emblematico di come ci voglia poco a comunicare, a condividere, ad aiutarsi reciprocamente.



E mentre Clea parla con l’uomo che divideva lo studio con Arthur Teller, scoprendo preziose informazioni su Amelia e sui 36 ragazzi che Arthur aveva individuato (“i 36 uomini giusti”), Martin minaccia l’agente di controllo di Elliott, che in qualche modo lo sta costringendo a fare qualcosa di illegale. Martin, protagonista assoluto che si muove fra gli intrecci generati da Jake, si dimostra il padre perfetto: responsabile, disposto a tutto pur di fare la cosa migliore per suo figlio, sensibile, amorevole, protettivo e determinato. Ma si dimostra anche un uomo meraviglioso, in grado di “moltiplicare” questo suo amore per il figlio rivolgendolo anche verso le persone in difficoltà nelle quali si imbatte.

E alla fine, anche se non è tutto rose e fiori, insieme a Jake il nostro Martin ha aiutato le persone ad intrecciare i loro destini com’era previsto, dando loro nuovi stimoli a lottare per un futuro migliore. Accettando che le cose non sono sempre come vorremmo noi. Le persone, non sono sempre come noi le vorremmo… Ma questo non ci impedisce di amarle e rispettarle, come fa Martin con Jake.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.