FOX  

Da Roma con furore

Su FOX arriva la serie ambientata a Roma in cui Ashley Judd fa di tutto per ritrovare suo figlio…

0 condivisioni 0 commenti

Share

Un’americana a Roma. Io, lo dico subito, mi sono accostata a Missing, in prima visione su FOX ogni lunedì alle 21.50 dal 30 aprile, felicissima che quell’americana fosse Ashley Judd (High Crimes, Il collezionista, Le regole della truffa). Ho visto la maggior parte dei suoi film, sicuramente me ne è sfuggito qualcuno. Eppure ho un’adorazione per lei. Credo che sia per il suo carisma, che emerge con forza a prescindere dal personaggio che le viene assegnato e dal genere di film (spionaggio, commedia romantica, dramma, azione…). Quindi figuriamoci quanto sono contenta di vederla in un ruolo che quel carisma e quella grinta li mette ben in evidenza.


La storia di Missing, creata da Gregory Poirier (Il mistero delle pagine perdute), è quella di Becca Winstone, una mamma americana qualunque (in apparenza…) il cui figlio si trova a Roma per ragioni di studio. Quando viene a sapere che Michael, suo figlio, non dà notizie da diversi giorni, prende il primo aereo per la città eterna. Catapultata in una realtà che non conosce e comprensibilmente preoccupata per la sparizione del figlio, Becca si troverà coinvolta in una storia ricca di colpi di scena insieme ad un agente della Interpol, Giancarlo Rossi (Adriano Giannini, Le conseguenze dell’amore). Oltre alla presenza di Ashley Judd, alla non frequentissima collaborazione di attori italiani ed americani e all’incantevole sfondo romano, Missing vanta anche un’originale commistione di generi, con una mamma che si trasforma in investigatrice prima e in agguerrita combattente poi.


La forza, la determinazione e le abilità di cui Becca fa bella mostra fin dall’episodio pilota fanno capo a quel sentimento materno che rende le donne in grado di sollevare furgoncini per il paraurti, se è necessario, per salvare i propri figli. E che, se come Becca sono state sposate con un agente della CIA (Paul, il padre di Michael, assassinato quando Michael aveva solo 8 anni) e sono state loro stesse agenti operativi, intuiscono subito che dietro la sparizione di loro figlio possa esserci un legame con il passato. Per Becca è chiaro fin dal principio come Michael non si sia allontanato di sua volontà. E apparirà presto chiaro, ai rapitori, come si siano messi contro la mamma sbagliata


Becca è infatti un letale ex agente segreto che dopo la morte del marito aveva radicalmente cambiato vita e che di punto in bianco si ritrova a dover fare appello a tutta la sua forza, il suo addestramento e i suoi ricordi sulle strategie investigative e di sopravvivenza che le permetteranno di seguire la pista che, spera, la porterà a trovare suo figlio. Trasmesso negli Usa da ABC, con il debutto risalente a poco più di un mese fa, Missing fa affidamento su un mix di spy-story, action, thriller e adventure e su un cast di tutto rispetto. Paul, il defunto marito di Becca, è interpretato da Sean Bean (Il signore degli anelli, Game of Thrones, tanto bravo quanto – pare – irrimediabilmente legato a personaggi dal crudele destino…); Nick Eversman (Mordimi, Urban Explorer) veste invece i panni di Michael. Completano il cast Keith Carradine (Deadwood, Dexter), Jason Wong (Spirit Warriors), Cliff Curtis (Training Day, Blow) e Laura Donnelly (Merlin, Hex).

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.