FOX  

Amici per la pelle

Su FOX arriva la commedia in cui tre amici fanno di tutto per non diventare “grandi”… Anche se hanno già messo su famiglia

0 condivisioni 0 commenti

Share

Mettiamola così: sì, è vero. Cose da uomini si nutre dei luoghi comuni sui maschi e se ne serve per far divertire il pubblico. È una sit-com, e come tale va presa: un’estremizzazione di preconcetti sull’immaturità maschile e sulla voglia di restare sempre bambini. La storia di tre amici che sono come dei “bambinoni” cresciuti, che non hanno mai voluto diventare “grandi”… nonostante, magari, abbiano già messo su famiglia da un pezzo. La storia di tre amici che ricordano come la voglia di occuparsi solo di cose “da ragazzini”, soprattutto in tempi difficili come questi, sia sempre di più.


  Cose da uomini, con i suoi 13 episodi in prima tv italiana su FOX ogni venerdì alle 22.45 dal 6 aprile, è firmata da Christopher Moynihan (Coupling, La vita secondo Jim) e gioca proprio su questo: prendere in giro gli uomini per le loro piccole e grandi manie e soprattutto per la voglia di restare bambini. Così come Hope & Faith, Susan, Ellen e mote altre sitcom si concentravano sui luoghi comuni rivolti al gentil sesso, Cose da uomini racconta la storia di Will (Mather Zickel, Rachel sta per sposarsi), Craig (il creatore Christopher Moynihan) e Kenny (Dan Fogler, Qualcosa di speciale), che si chiedono cosa voglia dire davvero “essere un uomo” oggi, che restano legati ai ricordi (e agli amori, in qualche caso) dei bei tempi che furono e che soprattutto cercano di conciliare il loro animo sensibile con… la voglia di divertirsi ad ogni costo.


Essere uomini, oggi, vuol dire districarsi fra lavoro, famiglia e tempo libero nel tentativo di mantenere un equilibrio fra ciò che si ha e ciò che si vorrebbe. Fra i ricordi di un passato spensierato e le preoccupazioni quotidiane che risultano molto, molto meno ingombranti se pensi che tuo nonno ha fatto la Seconda Guerra Mondiale, tuo padre ha combattuto in Vietnam e il massimo che devi fare tu è sconfiggere i nemici giocando a Call of Duty… Supportati da un ottimo cast, impegnato nei panni delle loro famiglie, i nostri tre “bambinoni” ci ricordano che ridere, nella vita, non fa mai male. Soprattutto se si decide di ironizzare sulle aspirazioni adolescenziali di tre amici che fanno di tutto per rallentare (o dimenticare, a volte!) quel lungo e faticoso processo di crescita che ci porta a diventare “grandi”…

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.