FOX  

Walter cerca… e trova!

Su FOX arriva in prima visione lo spin-off di Bones, in cui Walter Sherman trova chiunque e qualunque cosa 

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Ci sono diverse ragioni per seguire Il risolutore, la serie in prima tv italiana su FOX ogni mercoledì alle 21.00 dal 5 settembre. Io ve ne darò tre. 1: la serie è uno spin-off di Bones, generato da quell’episodio della sesta stagione della serie con Emily Deschanel e David Boreanaz in cui compaiono i personaggi di Walter Sherman e Leo Knox. 2: il cast. Geoff Stults è perfetto nei panni di Walter, personaggio accattivante, e il grande (in tutti i sensi: è un gigante!) Michael Clarke Duncan, indimenticabile interprete de Il miglio verde, non si può proprio perdere nel ruolo di Leo, prezioso collaboratore di Walter e dispensatore di saggezze filosofiche. 3: il dono di Walter.

Ex militare di stanza in Iraq, Walter Sherman rimane gravemente ferito nel corso di una missione. Entra in coma e al suo risveglio scopre di aver acquisito una sosta di “sesto senso”, un dono speciale che gli permette di trovare chiunque. E qualsiasi cosa. Non importa chi o cosa stia cercando, quali siano le dimensioni dell’oggetto di suo interesse o le abitudini delle persone che deve trovare: Walter risolve brillantemente tutti i casi di cui si occupa. Casi fra i più svariati, che rendono la serie creata da Hart Hanson (Bones) ricca di avventure sempre nuove. Ma soprattutto di personaggi azzeccati. Walter, appunto, con quel suo fare sempre un po’ ironico e irriverente, con quella sua aria da “impunito” che piace tanto alle donne, e Leo, proprietario del bar di cui Walter ha fatto la sua base-ufficio.

Leo, come Walter, ha vissuto esperienze devastanti. Se entrambi hanno visto la guerra da vicino, Leo ha perso anche gli affetti più cari. Così ha deciso di reinventarsi, e da avvocato sovrappeso intento a lavorare solo per guadagnare è passato a consulente legale / filosofo per l’amico Walter, che ha conosciuto in Iraq. Inutile dirlo: i due rappresentano una strana coppia sullo schermo, soprattutto perché i loro personaggi mostrano chiaramente di aver fatto fatica anche solo a sopportarsi, per un lungo periodo. Ma funzionano. Perché sono bravi, maestri nel restituire agli occhi del telespettatore il giusto ritmo in ogni scena e perfettamente calati nei loro ruoli. E tanto basta.

Così, fra prove ambite dalla polizia, persone scomparse, portafortuna e situazioni al limite del bizzarro, Walter svolge il proprio compito portandolo sempre a termine con successo, mentre impara a conoscere e usare al meglio il suo nuovo “dono” e mentre cerca di mettere ordine nella sua vita sentimentale. Il lungo rapporto a suon di tira e molla con lsabel Zambada (Mercedes Masohn) torna alla ribalta ogni volta che Isabel si avvale dell’aiuto di Walter per risolvere una delle indagini a cui lavora. Ma le cose non sono semplici: più che alla compagnia di Walter, infatti, Isabel sembra interessata ad ogni mezzo che le permetta di mettersi in luce coi suoi superiori e fare carriera fra le fila delle forze dell’ordine…

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.