FOX  

Episodio 5.2: Autorità

L’Autorità dei vampiri, il fervore religiosi, i nuovi personaggi: questo e molto altro nella seconda puntata di questa quinta stagione di True Blood

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Bene bene. Dopo lo scoppiettante esordio della settimana scorsa, ecco cosa scopriamo all’alba di questo secondo episodio: Tara, vampira neonata, è fuori di testa. Non c’è un modo più elegante di dirlo: è molto peggio di com’era Jessica appena trasformata. Dalle torto: odiare i vampiri, sacrificarsi per la migliore amica e ritrovarsi resuscitata vampira. Una gran brutta giornata...  Riportarla indietro non pare essere stata questa grande idea, quindi, perché Sookie e Lafayette le prendono di santa ragione, subito. Ma ecco cos’altro sappiamo subito: Pam si conferma uno dei migliori personaggi della serie. Ironica, sempre centrata su se stessa, egoista ma capace anche di gesti generosi, a patto di condirli con frecciatine velenose per non indebolire la propria immagine di “dura”... E con la passione della moda. Lo dimostrano i flashback d’inizio Novecento che ne raccontano la storia. Flashback costruiti per mostrarci, appunto, quel suo lato sentimentale che tanto nasconde (a parte quando si tratta di Eric).


Pam è uno dei migliori personaggi di True Blood anche grazie alla bravura della sua interprete, ma per sua fortuna non è la sola. Devo dire che questo inizio di stagione non sta tradendo le mie aspettative: tanta carne al fuoco, continui colpi di scena, tanta azione, tanta ironia... Come sempre in fondo. E nuovi, affascinanti personaggi; come Salome (la nostra, italianissima e perfettamente in parte Valentina Cervi: sangue italiano non mente!), ad esempio. Inutile dirvi che la base sotterranea dall’Autorità mi ha ricordato un po’ Buffy (l’organizzazione segreta guidata dalla professoressa Walsh) e un po’ Underworld, ma ho comunque apprezzato. Perché ogni passo avanti nella narrazione ci svela nuovi aspetti del mondo vampiresco, delle relazioni fra i personaggi umani, delle regole del branco per i licantropi...


C’è sempre qualcosa da scoprire, da sapere, da aggiungere alle nozioni che costituiscono l’orizzonte di riferimento della serie. C’è sempre di più, dicevamo: mostri, uomini... Non fa molta differenza, a quanto pare. Come nel caso di Terry: la cosa più mostruosa e spaventosa che ha visto non sono certo i vampiri, bensì la guerra, che lo tormenta con incubi e sonnambulismo e ci fa capire che succederà qualcosa, qualcosa collegato agli incendi che hanno ucciso le famiglie degli uomini della sua unità. E poi, naturalmente, c’è la nuova Tara. Prima ancora che inizi a parlare, noi sappiamo perché è così arrabbiata. Qualcuno ha scelto per lei, i suoi più cari amici l’hanno condannata alla vita da non morta che aveva rifiutato con tanta forza. Perché la vita del vampiro, in True Blood, non è la romantica vita immortale e decadente che avremmo potuto immaginare. C’è il dolore. C’è la rivalità. C’è l’Autorità: ci sono le regole, le celle con i raggi UV come tortura, i sommari processi che decretano le punizioni.


E questi non sono i soli punti in comune fra la società degli umani e quella dei vampiri. Lo dimostra il reverendo Newlin, in tv a parlare di vampiri buoni e cristiani. Lui, che conduceva crociate televisive contro i vampiri, è passato dall’altra parte: ipocrisia, opportunismo... Umani o non più, pare che siano insite nella nostra natura. E poi c’è la Bibbia dei vampiri e la divinità Lilith, secondo la quale i vampiri vennero prima di noi, creati come loro cibo. La religione, lo capiamo subito, è il tema centrale di questa quinta stagione, che continua a ricordarci l’imperfezione, le ambizioni e le contraddizioni dell’uomo. La storia dell’uomo si ripete, sotto metafora, nelle sue tappe più oscure o semplicemente tristi e disperate (il torturatore che inietta argento nelle vene dei vampiri, la storia umana di Pam, la forzata conversione dei vampiri ribelli, la cieca ambizione “giustificata” dall’impeto religioso).


La società vampiresca, a quanto pare (ma che sorpresa...) commette gli stessi errori dell’umanità. Lo dimostra il personaggio dello strepitoso Chris Meloni, il Guardiano Roman, con un grande attore che veste i panni del capo dell’Autorità e quelli di una sorta di leader religioso dei vampiri. La puntata di ieri sera ci ha presentato nei dettagli la situazione della comunità vampiresca: leader, religione, Autorità, intenzioni, trattamenti riservati ai dissidenti. D’ora in avanti, non possiamo che aspettarci di vederla scatenarsi... 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.