FoxCrime  

Speciale C.S.I. – Capitolo 6: Danny Cannon ed il look delle serie

Oltre che il testo contano anche le immagini… Ma chi c’è dietro quelle luci?

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share


Negli ultimi anni, con il raffinarsi delle serie tv e con l’innalzamento del livello qualitativo delle stesse, l’aspetto visivo è divenuto sempre più importante.
 
Si è quindi via via affermata una nuova figura professionale, quella del consulente visivo della serie. Di solito è un regista che ha la responsabilità del look dello show, della sua continuità stilistica, dello stile di recitazione dei personaggi; una specie di supervisore alla regia che di solito viene accreditato insieme agli altri produttori.
 
Nel caso di C.S.I. e dei successivi spin off C.S.I. Miami e C.S.I. New York tale onore e onere, è ricaduto su Danny Cannon.
 
Il regista è un inglese che dopo un interessante esordio con il noir The Young Americans (1993), in cui ci ha rivelato un giovane e già bravo Viggo Mortensen, ha provato a fare il salto di qualità portando sul grande schermo il suo personaggio a fumetti preferito: lo spietato giudice-poliziotto-esecutore Judge Dredd. Purtroppo il film con Sylvester Stallone, Dredd, la legge sono io, fu un flop al botteghino ed il nostro regista fu costretto a tornare ai low budget; realizzando il dimenticabile Incubo Finale ed il più che discreto Phoenix – Delitto di polizia.
 
Per fortuna è arrivato Jerry Bruckheimer che, da sempre ammiratore del suo stile, lo chiama e gli affida l’aspetto visivo di C.S.I. e dei successivi spin off.
 
Il vecchio Jerry aveva infatti apprezzato la tecnica da videoclip un po’ acida del regista inglese, ma anche il suo utilizzo cromatico degli arancioni e dei blu e per sua stessa ammissione: “Io che venivo dal cinema, volevo portare la stessa qualità tecnica sul piccolo schermo e Danny aveva proprio quello che mi serviva.”
 
A ben guardare i principali tratti distintivi di C.S.I., sono anche la cifra stilistica del buon Danny. Per verificare oltre ai titoli già citati vedetevi Goal, il film, la sua ultima fatica per il grande schermo. Un altro titolo interessante, ma anche un altro flop al botteghino.

Cannon si può consolare in tv, dove ha diretto i tre pilot delle serie e più di 25 episodi, per non parlare poi di più di centocinquanta altre puntate in qualità di produttore, sceneggiatore e consulente visivo…
Bravo Danny!  
Francesco Cinquemani

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.