FoxCrime  

William Petersen: Tenetemi fuori dalla mischia!

Vi presentiamo una vera star…che si rifiuta di vivere da star!

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Sarà che è nato il mio stesso giorno (ma con molti anni d’anticipo!). Sarà che Manhunter è uno di quei film che ti restano dentro, in qualche modo, e nel mio caso nel modo che è servito a farmi studiare cinema. Sarà anche il fascino dell’uomo che si nega, che scompare e riappare improvvisamente, che vive al di fuori delle regole dello star system.

 

Sarà l’insieme di tutti questi motivi… Fatto sta che, per me, William Louis Petersen è fonte di grande curiosità. E se anche voi siete sempre stati incuriositi da questo attore “fuori dagli schemi”, ora possiamo scoprire insieme i suoi “segreti”…

 

Nato in una cittadina dell’Illinois, l’attore (classe 1953) si trasferisce con la famiglia nell’Idaho, dove durante gli anni del liceo è una delle star locali del football. Dopo il diploma, si iscrive all’Idaho State University, grazie ad una borsa di studio ottenuta proprio grazie al football. E proprio all’Università scopre la recitazione e decide che “da grande” farà l’attore.

 

Il debutto, dopo la consueta gavetta sui palcoscenici teatrali, arriva nel 1981 con il film Strade violente di Michael Mann, in cui recita accanto a James Caan e James Belushi. Seguono Vivere e morire a Las Vegas (1985) e la partecipazione alla nuova serie (il remake) Ai confini della realtà. L’anno seguente, il 1986, è quello della consacrazione. Sempre grazie a Michael Mann: il suo Manhunter – frammenti di un omicidio, tratto da un romanzo di Thomas Harris, regala a Petersen uno di quei ruoli che non si dimenticano.

 

Ma William Petersen, allora trentatreenne, non si monta la testa. Dopo Manhunter, continua imperterrito a tenersi “fuori dalla mischia”, selezionando il proprio lavoro in base al tempo necessario da dedicare alla famiglia e a se stesso. In linea con questi criteri, “si permette” addirittura di rifiutare ruoli in film destinati a diventare di culto, come Platoon, Quei bravi ragazzi e Heat – La sfida, mentre accetta di partecipare – in ruoli anche secondari – a pellicole “minori” come Young Guns 2.

 

William Petersen, insomma, è soddisfatto della propria vita. Privata e professionale. Si muove continuamente fra cinema (Gunshy, The Skulls, The Contender) e tv (La parola ai giurati, The Rat Pack – in cui interpreta JFK). Fino a quando gli viene offerto un ruolo da protagonista in una nuova serie tv, un crime drama intitolato C.S.I.
E il resto della storia… Lo conosciamo tutti. Gil Grissom, il suo personaggio, diventa una delle icone della tv moderna. C.S.I. polverizza tutti i record d’ascolto e dà vita a due spin-off, ai quali Petersen decide di non partecipare (sempre per ragioni di tempo) in veste di produttore, come gli era stato proposto.

 

E fra una scena del crimine e l’altra, l’attore si diletta a selezionare film e programmi tv per la High Horse, la casa di produzione fondata insieme a Cynthia Chvatal. Il tutto mentre continua a tenersi il più possibile lontano dai riflettori, sia per convinzione che per… pigrizia. Il ruolo in Platoon, ad esempio, non lo interessava perché lo avrebbe costretto a recarsi sul set nelle Filippine. Il che avrebbe sconvolto le sue abitudini e i suoi ritmi. La “vita da star” hollywoodiana è una cosa che William Petersen capisce, ma che si rifiuta anche di accettare (come sostiene in questa lunga intervista a Usa Today).

 

E forse non è nemmeno il caso di dargli torto. Ha successo, fa un lavoro che gli piace e ha rinunciato – ovviamente – a una nutrita parte della propria privacy, ma è riuscito a “salvare il salvabile” cercando di avere una vita il più normale e tranquilla possibile. Possiamo forse biasimarlo?

 

Chiara Poli

 

Fonti:
Starpulse
TV Guide

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.