FoxCrime  

Copper – Episodio 1.4: Il registro

Corky cerca ossessivamente indizi sulla sorte di sua moglie, mentre un inatteso e violento colpo di scena ci lascia senza parole…

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share




Corky cerca ossessivamente indizi sulla sorte di sua moglie, mentre un inatteso e violento colpo di scena ci lascia senza parole…

Dopo la settimana scorsa pensavamo di ripartire da dove eravamo: l’omicidio della donna che aveva dato in pegno il ciondolo della moglie di Corky. Avevamo ragione, ma non prima che ci venissero mostrati Corky e O’Brien che ci informano di come Maguire sia pronto a sposare Molly e a cambiare vita. Noi però sappiamo già che Molly sembra essere ossessionata da Corky, fatto dimostrato dal modo in cui decide di mostrargli il ciondolo di sua moglie Ellen (che Eva le ha restituito). Insomma: per il povero Maguire le cose sembrano mettersi piuttosto male. Ma all’inizio dell’episodio non sappiamo ancora quanto


Gli equilibri nel mondo di Copper, vista la disparità sociale, le difficoltà quotidiane e il livello di violenza e corruzione, sono ancora più complicati di quello che possiamo immaginare. Lo zio di Matthew, Marcus Freeman, si presenta annunciando di essere in partenza per l’Africa, in cerca di una nuova vita. Come la nuova vita che Elizabeth cerca – senza molto successo – di offrire alla piccola Annie. Cambiare radicalmente ambiente, perfino quando si è giovani e in difficoltà come Annie o la famiglia di Matthew, rappresenta una sfida troppo grande. All’epoca in cui è ambientata la serie quasi tutti nascevano, vivevano e morivano nello stesso posto. Nella stessa casa, di solito. Copper mette quindi in evidenza la modernità del racconto nell’affrontare il tema – rivoluzionario visto il contesto – del cambiamento e della speranza di una nuova vita.


Ma il cambiamento e la speranza costano denaro. Il che ci porta a pensare che le intenzioni dello zio Marcus non rispondano ad intenti così nobili. Il caro zio vuole infatti fare di Jasper un pugile, al solo scopo di guadagnarci dei soldi. Non ottenendo il consenso di Matthew e Sara, decide di scavalcarli rivolgendosi direttamente a Morehouse per organizzare il primo incontro. Tutto ha un tornaconto, a quanto pare. Perfino per il reverendo che tenta di ricattare Morehouse Senior minacciando di rivelare il suo piano per l’acquisizione di Five Points. Nel frattempo Annie cerca di scappare da Elizabeth, che non mostra alcuna intenzione di arrendersi, mentre Corky e Maguire trovano la sorella di Madame Grindle, sperando grazie al suo aiuto recuperare una parte il registro delle attività di aborto illegale condotte dalla Grindle. Ma visto che un frammento del registro ritrovato da Corky coinvolge il vescovo Onderdonk, Corky si vede chiudere il caso dal capitano.


Poco male, comunque. Ormai lo conosciamo abbastanza per saperlo: Corky non è certo uno che molla. Così si rivolge a Morehouse, offrendogli inconsapevolmente la moneta di scambio per mettere a tacere il religioso che lo ricattava. Il vescovo diventa quindi il bersaglio principale di Corky, il suo contatto per scoprire la verità su Madame Grindle e quindi sul suo legame con Ellen. Così, per stanare il vescovo, Corky si appella all’unica arma in suo possesso, la religione, per far parlare una cameriera irlandese cattolica, facendo leva sull’ostilità nei confronti dei Protestanti. Il mondo di Copper è complesso, già. Denaro, status sociale, razza di appartenenza, religione: tutto porta alla creazione o alla coltivazione di gruppi sociali ben distinti.


E alla fine Corky affronta il suo sospettato alla solita maniera: violenza, botte e minacce. Più “sentite” del solito, visto che c’è in ballo qualcosa che lo riguarda direttamente. Perché ottenere risposte sincere è quasi impossibile: le cose si fanno di nascosto, nel mondo di Copper. Ne abbiamo la conferma quando la signorina Lockwood si aggira per la città ricattando gli uomini segnati sul registro della sorella. Sì, il registro che Corky cerca disperatamente e che lei aveva sempre avuto. Ma non ci stupiamo, ormai. In questa New York accade di tutto. Una proposta di matrimonio a una prostituta che invece di essere felice si lamenta per aver ricevuto un braccialetto invece di un anello. Un’indagine in cui Corky è costretto a pensare che sua moglie abbia usato il ciondolo per pagare Madame Grindle per un aborto.


Un amico, Maguire, che paga il titolare del banco dei pegni perché questa idea non debba pesare sulla coscienza di Corky. E una donna, Eva, che inaspettatamente taglia la gola alla sua ragazza più richiesta per gelosia. Nel corso di una sconvolgente sequenza in cui ci aspettavamo al massimo una tirata di capelli e un litigio fra donne. Ma guarda: la dolce, comprensiva Eva non è come pensavamo. Come in effetti avevamo già sospettato per la sua determinazione a nascondere il ciondolo di Ellen a Corky. E la puntata di ieri sera ci lascia così: con un omicidio inatteso, un colpo di scena sconvolgente e O’Brien costretto a dare la notizia al povero Maguire…


Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.