FoxCrime  

Criminal Minds – Finale di stagione ispirato alla realtà

FoxCrime trasmette l’ultimo episodio della quarta stagione. Che già promette di lasciarci col fiato sospeso e che è ispirato alla figura di un serial killer realmente esistito…

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share




FoxCrime trasmette l’ultimo episodio della quarta stagione. Che già promette di lasciarci col fiato sospeso e che è ispirato alla figura di un serial killer realmente esistito…

Il serial killer protagonista dell’episodio di Criminal Minds che abbiamo visto in anteprima su FoxCrime la settimana scorsa è senza dubbio uno dei più mostruosi mai apparsi sul piccolo schermo. Riuscendo ad agire indisturbato per mesi, prima che un militare americano metta l’FBI sulle sue tracce, il killer rapisce senzatetto, tossicodipendenti e prostitute che vivono per strada e li sottopone ad orrende torture prima di ucciderli. Il fatto davvero inquietante è che, ancora una volta, la realtà supera la fantasia: la figura del mostro di Criminal Minds è infatti ispirata a quella di un serial killer canadese realmente esistito…


Nel finale di stagione di Criminal Minds in onda stasera su FoxCrime assisteremo alla seconda parte dell’episodio che lo vede protagonista. Rimarremo con il fiato sospeso, temendo per la vita di uno dei protagonisti (come era accaduto alla fine della terza stagione, del resto) ma conosceremo anche meglio il personaggio ispirato a Robert Pickton (nella foto), che ha ucciso un numero imprecisato di persone (almeno 26, ma in cella – ad un agente sotto copertura – l’assassino ha confessato di aver eliminato 49 donne), per poi gettare i resti dei cadaveri in pasto ai maiali della sua fattoria. Gli inquirenti ritengono che Pickton abbia agito indisturbato per quasi vent’anni, dal 1983 al 2002.


Le sue vittime sono tutte prostitute e tossicodipendenti senza fissa dimora, ed è solo grazie alle pressanti richieste di altre donne che vivevano e lavoravano sulla strada che gli inquirenti hanno approfondito le indagini sulle scomparse e sono arrivati fino a Pickton. Il 5 febbraio del 2002, durante una perquisizione in cerca di armi detenute illegalmente da parte di Pickton, gli agenti di polizia scoprono la fattoria degli orrori.


L’opinione pubblica rimane fortemente scossa dai macabri ritrovamenti a cui hanno portato le indagini e Pickton, condannato all’ergastolo l’11 dicembre del 2007 dopo un lungo processo, è ora tristemente noto come il serial killer più attivo nella storia del Canada.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.