FOX  

Last Resort - Episodio 1.12: Punta di lancia

Il penultimo episodio di Last Resort rimette tutto in gioco: bisogna schierarsi. Da una parte o dall’altra...

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share


Ci siamo quasi: manca solo una puntata ala fine di Last Resort e nell’episodio di ieri sera sono state poste le basi per un finale mozzafiato... Che purtroppo non avrà un seguito: ABC ha deciso di cancellare la serie alla fine della prima stagione, quindi non ci saranno nuove puntate dopo il finale di questa prima ed unica stagione. Le basi per il finale ruotano attorno a Chaplin (e alla possibilità d tornare finalmente a casa), al rappresentante del governo cinese sull’isola, a Serrat... E naturalmente alle intenzioni e alle aspirazioni dettate dai sentimenti, che immancabilmente si scontrano con la realtà. Come la decisione di King di lasciare l’isola insieme a Tani: nel momento stesso in cui afferma di voler partire con lei, sappiamo che non gli sarà possibile, per una ragione o per l’altra.

A Washington intanto si prepara il colpo di stato, che fin dall’inizio mostra come le cose non stiano andando secondo i piani, mentre sull’isola tutto cambia per l’esplosione a bordo della nave con i rifornimenti. Il che porta Zheng a voler modificare l’accordo con Chaplin. Il nostromo tratta con Serrat per procurarsi delle armi. Brannan spia Sam e il nostromo per conto di Chaplin. Sam è pronto ad ammutinarsi per prendere il comando al posto di Chaplin e arrendersi agli Stati Uniti. Come si suol dire: la trama s’infittisce... Le alleanze cambiano, gli equilibri si modificano. Il sospetto regna sovrano, sia sull’isola che a Washington. Nessuno può più fidarsi delle persone delle quali si è sempre fidato, il che rende ogni possibile sviluppo prevedibile quanto un terno al lotto.

E ci porta all’inevitabile confronto fra Sam e Chaplin. Il capitano sa come stanno le cose e informa il suo secondo dell’imminente colpo di stato... Ma per Prosser l’informazione non cambia nulla. Così Sam coinvolge King (era ovvio, no, che non potesse partire serenamente per l’Australia come previsto). L’attesa festa sull’isola è quindi l’occasione perfetta per arrivare al dunque: gli scontri fra le varie fazioni, fra i vari personaggi, stanno per avere luogo. il capitano e il nostromo, Sam e Serrat, Grace e suo padre - i cui colloquio suona molto come un addio e non promette nulla di buono. Tanto da fermare il discorso al Congresso che avrebbe dovuto cambiare le cose: il candidato Presidente Buel si autoaccusa, come capro espiatorio, e si uccide in diretta tv.

Come se non bastasse, sull’isola Sam decide di rilevare il comando e Chaplin chiede a Grace di mostrargli da che parte sta. E lei si schiera con Chaplin. Peccato che Anders (ricordate? L’uomo dell’equipaggio che Chaplin aveva allontanato dopo lo stupro ai danni di una ragazza del villaggio) si faccia vivo proprio in quel momento, per minacciare Grace con una pistola e per dirle di farsi portare dal capitano Chaplin...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.