FOX  

Episodio 3.10: Bentornato a casa

In una puntata piena di emozioni, i personaggi di The Walking Dead si “raccontano” meglio con le azioni piuttosto che con le parole...  

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share


Ma andiamo con ordine. Cercherò di riprendermi dal finale mozzafiato (che mi ha tenuta sveglia fino a tardi... E chi dorme dopo una sequenza del genere?) per riflettere un po’ su tutto ciò che l’ha preceduto. A cominciare dalla “questione Rick”: non c’è pace per Rick Grimes. Nemmeno fra uno scontro e l’altro, fra un’incursione e l’altra, fra una lotta per la sopravvivenza e l’altra. Non c’è più pace, perché Rick segue il fantasma di Lori fuori dal perimetro e confessa a Hershel di sapere che non è reale, ma anche di essere convinto che ci sia una ragione per le sue apparizioni. Cerca risposte (e anche noi, direi...). 



Con Rick fuori gioco, stremato e determinato a non rientrare finché non avrà le sue risposte, Glenn prende il comando. È un (temporaneo) passaggio di testimone in parte naturale e in parte motivato dalla determinazione di Glenn: bisogna decidere cosa fare in attesa dell’attacco del Governatore, che tutti considerano imminente. Hershel suggerisce di fuggire, ma Glenn non vuole saperne: il ragazzo è accecato dalla rabbia e dalla sete di vendetta (che non si placa nemmeno dopo il toccante faccia a faccia con Maggie), è ossessionato dalla volontà di uccidere il Governatore. Inoltre non ha intenzione di rinunciare a un rifugio sicuro per avventurarsi nei boschi con un uomo senza una gamba e una neonata. E qui non possiamo dargli torto. Così inizia a pianificare la difesa della prigione, ma non è abbastanza maturo da guidare il gruppo: mette la propria ossessione davanti ai bisogni degli altri e la conseguenza è l’attacco del Governatore, che coglie tutti impreparati.


Questo ci conferma due cose. Primo: che la richiesta del Governatore ad Andrea (prendere il suo posto, guidare la comunità mentre lui “si riprende”) ha il solo scopo di tenere la donna lontana dai suoi amici e dalla prigione mentre lui attacca a sua insaputa; secondo: che non si diventa leader da un momento all’altro, solo perché lo si decide. Leader si nasce. Lo dimostra Rick, che per quanto impegnato a inseguire fantasmi e farneticare, al momento giusto ritorna in sé e lotta disperatamente, fino a quando si ritrova a mani nude attorniato dagli zombie e viene salvato solo dall’intervento (quante emozioni!) di Daryl e Merle. Nel mondo post-apocalisse, la guerra “vera” la fanno gli uomini, non i morti viventi. Il tormentone “combatti i morti, guardati dai vivi” trova la sua perfetta realizzazione nell’attacco del Governatore e nella scelta di usare gli zombie come arma. Tanto per ricordarci quali sono i veri mostri...


Ma è anche la puntata dei confronti non armati, questa: Daryl e Merle (che ci raccontano una terribile storia famigliare e dimostrano come Daryl sia il personaggio che si è evoluto di più dall’inizio della serie), Glenn e Maggie, Hershel e Glenn, Rick e Hershel, Carol e Axel, che racconta la sua storia. Bruttissimo segno, fra l’altro: uno dei cliché dell’horror prevede la scomparsa repentina di un personaggio secondario quando finalmente emerge il suo passato. E infatti... Axel si becca una pallottola in testa. È così che prende il via il gran finale, ricchissimo di tensione e di azione che - senza una parola - ci fanno capire così tanto sui personaggi. L’odio cieco e la sete di potere e vendetta del Governatore, l’affidabilità di Daryl (e il suo cambiamento, appunto: è ben diverso dal solitario che pensava solo a se stesso all’inizio della serie), il carisma di Rick (nemmeno quando è sull’orlo della follia si fa cogliere impreparato), l’importanza di Michonne per il gruppo (la tengono isolata ma lei resta nei paraggi e si rende sempre preziosa per la sopravvivenza)... Che puntata, ragazzi! Quante emozioni!



Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.