FOX  

Episodio 4.4: Indifferenza

Non si trova solo nella rivisitazione del tema zombie, né nelle raffinate e realistiche sequenze splatter. La vera forza di The Walking Dead - si sa - è sempre stata nella costante evoluzione dei suoi personaggi.

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share


Non si trova solo nella rivisitazione del tema zombie, né nelle raffinate e realistiche sequenze splatter. La vera forza di The Walking Dead - si sa - è sempre stata nella costante evoluzione dei suoi personaggi. Ed è proprio l’introspezione a fare di nuovo da padrona in questo quarto episodio della Stagione 4. Una puntata ricca di confronti destinati a creare ancora più tensioni nella già affollata prigione del dopo Governatore.


Ad aprire in grande le danze, un bel dialogo tra Carol e la piccola Lizzie, costretta in quarantena con gli altri infetti della nuova e misteriosa epidemia. Affermare che la bambina esibisca una grande lucidità è quasi un eufemismo. Le sue riflessioni sulla morte e sui vaganti, oltre a preoccupare non poco la donna, lasciano trapelare un’inquietante empatia verso i non-morti. Sentimento destinato, con tutta probabilità, ad essere approfondito nel corso della stagione.


Un altro momento importante è quello del confronto tra Michonne e Tyreese: lei accusa lui di comportarsi da incosciente mettendosi in pericolo di proposito per farsi ammazzare; lui costringe lei ad affrontare il discorso Governatore sbugiardando l’apparente indifferenza della ragazza, in realtà desiderosa di una feroce vendetta.


Il vero fulcro di tutti i tre quarti d’ora è però nel drammatico testa a testa tra Rick e Carol, fuori per cercare dei medicinali. La verità improvvisamente irrompe e cerca di fare chiarezza tra i due. Lui non riesce a nascondere il timore verso ciò che la sua amica è diventata uccidendo Karen e David. La donna, pur non ignorando le implicazioni morali di ciò che ha fatto, mostra una sicurezza priva di alcun rimpianto reale. Le sue argomentazioni non cercano una rottura, ma sono intrise di un cinismo che lo sceriffo - pur non estraneo ad atti di giustizia personale - non sembra voler ancora giustificare. Da qui arriverà la decisione finale di Rick di non perdonare Carol e di costringerla a continuare la sua avventura da sola.


Insomma: quello che sembrava lo scontro tra due leader diventa un addio dubbioso e poco credibile. Staremo a vedere quanto durerà questa separazione.


Ad alleggerire un po’ i toni generali, la presenza dei due hippie in cui si imbattono proprio Rick e Carol. Il loro atteggiamento vagamente stralunato e timoroso regala al pubblico qualche inaspettato sorriso. Impagabile anche il crescente sarcasmo di Daryl che, con le sue battute caustiche e i modi impulsivi da bel tenebroso, si avvicina sempre più alla figura dell’indimenticato Sawyer di Lost.


In definitiva siamo di fronte ad un episodio interlocutorio e raffinato il cui titolo, Indifferenza, rivela alla fine tutta la sua ironia. Nuovi dubbi nascono sulla vera natura delle new entry (in primis la giovane Lizzie e l’alcolista Bob) mentre ulteriori zone d’ombra vengono gettate sui personaggi che già amiamo e conosciamo.


O, almeno, crediamo di conoscere.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.