FOX  

Episodio 2.9 - Grilletto facile

Un episodio ricchissimo di azione e tensione evidenzia al meglio le difficoltà emotive dei vari personaggi

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Un episodio ricchissimo di azione e tensione evidenzia al meglio le difficoltà emotive dei vari personaggi

Ormai conosciamo The Walking Dead abbastanza bene da sapere cosa aspettarci. Ovvero: ripartire esattamente da dove eravamo rimasti, dall’incidente di Lori. L’incidente di cui nessuno si è accorto… a parte gli zombies. E anche se tutti ricordiamo cos’era successo in Nebraska, gli autori ce lo ricordano, al pub, da un’altra prospettiva. Quella degli uomini uccisi da Rick, il cui omicidio – già lo sappiamo – porterà delle conseguenze… Che si presentano sotto forma di amici alla ricerca di Dave e Tony. Ora è ufficiale: i nemici sono due. I cervelli molli e gli altri sopravvissuti.



E per quelli che volevano più azione in questa seconda stagione: che ne dite? A me sembra che siamo stati tutti accontentati! Robert Kirkman non mentiva affermando che i primi episodi servivano per preparare il terreno alla seconda parte della stagione, molto più concitata e ricca d’azione. Senza dimenticare di concentrarsi sempre sui personaggi, mostrando Shane alla fattoria che a stento trattiene la soddisfazione. Non gli sembra vero: Rick e Lori non ci sono e lui può farsi bello ali occhi degli altri, o almeno provarci. Non ci riesce granché, ma almeno finisce per accorgersi che Lori manca all’appello.

The Walking Dead – Speciale episodio 9:



Come se la situazione non fosse già abbastanza tesa, poi, Rick decide di confessare l’omicidio di Dave e Tony ai loro amici. Non ce la fa proprio, a mentire, va contro la sua natura. Così prova a risolvere come meglio può: posto sbagliato, momento sbagliato… Ma non fa in tempo a finire la frase prima che gli sparino. Il senso delle sue parole, con la ricerca di approvazione e giustificazione, è chiaro: il mondo non è più come prima, e non solo per via degli zombies. Vige la legge della giungla. Sopravvive solo il più forte. E quello con meno scrupoli. Ecco perché tocca a Shane (così si guadagna la considerazione degli altri, non con le parole!) prendere un’auto e andare a cercarla.

Intanto nel Far West (perché l’atmosfera è quella tipica dello scontro da saloon, con un gruppo appostato fuori e uno barricato dentro, a ribadire l’influenza western sulla serie) si cerca di resistere all’assedio e si pianifica la fuga. E indovinate la novità? Tocca a Glenn fare da esca. A questo punto ogni minuto della sua sopravvivenza è un miracolo: ci finisce sempre lui nelle situazioni peggiori. Questa volta, però, con uno scopo preciso: metterci di fronte al fatto che i sentimenti che sembrano essere l’unica ragione per andare avanti, in realtà possono farti uccidere. Glenn si trova a fare i conti con la necessità di conciliare affetti e doveri, ovvero… con la necessità di crescere, in un mondo in cui tutto, per un ragazzo come lui, pareva essersi fermato.

La sparatoria si fa sempre più pericolosa e finisce con Randall infilzato a mo’ di spiedino per zombies su una cancellata, scena che trasforma Herschel, il timido e scontroso fattore che voleva curare gli zombies, in pistolero e medico d’emergenza pronto a tagliare una gamba in loco mentre gli zombies arrivano a decine. Sarò stata l’unica al mondo a pensarlo, ma la scena mi ha ricordato la sequenza di Via col vento in cui bisogna tagliare una gamba senza anestesia… Ad ogni modo, Shane trova Lori e le mente per farla tornare alla fattoria. E non è solo una bugia a fin di bene: io la leggo come la volontà di lasciare Rick al suo destino, nella speranza di riavere Lori tutta per sé. Perché è evidente che Shane ha perso la lucidità a causa di Lori.

Tanto che si lascia sfuggire notizie sulla sua gravidanza (ecco perché ha mentito per portarla in salvo: è convinto che il bambino sia suo), mentre Daryl deve fare i conti con la disperazione per la morte di Sophia e ancora una volta è Carl a dimostrarsi fra i più maturi del gruppo; a capire subito che tutto ruota attorno alla verità, alle bugie dette a fin di bene e a quelle raccontate per salvarsi la pelle o per vantaggio personale. Prima o poi bisogna affrontare tutto. Perfino il momento in cui devi spiegare a tuo figlio come nascono i bambini.

Perché la vita continua. Anche quando tua moglie sta cercando di convincerti ad uccidere il suo ex amante (ma Lori è proprio pessima, eh!). Ci si adatta a tutto, perfino a vivere fra i mostri, e si cerca di mantenere una parvenza di vita sensata per non perdere la ragione. Perché la vita continua e il mondo va avanti, come dimostra il sorgere del sole sullo sfondo del fienile…

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.