FOX  

Il finale di stagione di Agents of S.H.I.E.L.D.

La recensione del season finale

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Rinascere dalle ceneri, ecco come potremmo riassumere il finale della prima stagione di Agents of S.H.I.E.L.D.

Dopo un ciclo di episodi durante i quali tutti avevamo perso la speranza di un lieto fine, finalmente Coulson e la sua squadra hanno ritrovato lo smalto necessario per avere la meglio su Garrett e le ultime celle terroristiche dell’HYDRA. Il tutto grazie all’aiuto del redivivo Nick Fury, rivisto finalmente in azione.

Tanta azione e tanti misteri ancora da svelare, proprio come nei migliori action-movie: la scena di combattimento tra May e Ward è stata sicuramente uno dei momenti più frenetici e attesi di questa serie, ma nonostante il tradimento dell’agente Grant, alla fine non riusciamo davvero ad odiarlo per il male che ha causato. C’erano redenzione e pentimento nei suoi occhi, e speriamo che quello sguardo sia l’inizio di un cammino verso la redenzione nella seconda stagione.

Agents of S.H.I.E.L.D., dopo essere partito un po’ in sordina all’inizio della serie, ha iniziato a ingranare la marcia unendo tutti i tasselli messi in gioco con sapienza durante le prime puntate. Molti punti interrogativi sono stati dissipati, ma gli autori hanno messo molta carne al fuoco in vista della seconda stagione: come starà Fitz? Ma soprattutto, quali sono le vere origini di Skye?

Nonostante la minaccia dell’HYDRA sia stata debellata e Couslon sia diventato il nuovo direttore dello S.H.I.E.L.D., Raina è ancora a piede libero, e le sue intenzioni sono avvolte nel mistero. Oltre a ciò, la scena post-titoli di coda (classico della produzione cinematografica Marvel) inizia a farci dubitare della sanità mentale di Coulson, elemento già suggerito durante i precedenti episodi.

Se questa prima stagione è servita a farci capire che non tutti gli eroi sono super, la seconda stagione dovrà approfondire questo concetto, espandendolo magari grazie a un tono più cupo e introspettivo in grado di mettere in risalto le origini degli agenti che abbiamo imparato ad amare durante questi primi 22 episodi. L’Universo Marvel è infinito e in grado di offrire illimitati spunti da cui trarre ispirazione e personaggi da mettere in gioco, e questo potrebbe diventare un ulteriore valore aggiunto dello show.

Se possiamo finalmente tirare un sospiro di sollievo per uno S.H.I.E.L.D. in procinto di rinascere più forte di prima, d’altro canto dovremo trattenere il fiato nell’attesa di scoprire quale sarà il destino dei suoi agenti in futuro.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.