FoxCrime  

La felicità secondo Ryan Hardy

Cosa ha in serbo la terza stagione di The Following per il suo protagonista?

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ryan Hardy è (o è stato) molte cose. Un brillante agente dell’FBI. Un autore di successo (ha scritto il best seller The Poetry of a Killer ispirato al caso di Joe Carroll). Un alcolizzato con problemi di cuore. Ma non è mai stato un uomo felice.

Nei trenta episodi che compongono le prime due stagioni di The Following non abbiamo (quasi) mai visto il buon Ryan sorridere.

Il personaggio interpretato da Kevin Bacon è infatti tormentato dai demoni del suo passato (nella prima stagione) e ossessionato dalla vendetta (nella seconda). Ma nel season finale della passata stagione questa catena sembra essere finalmente spezzata: Ryan si trova faccia a faccia con Joe, pistola in pugno, e può uccidere la sua nemesi. È a questo punto che Hardy, forse per la prima volta, fa quello che è giusto: risparmia Carroll e lo consegna alle autorità.

E da qui riparte – o meglio, ripartirà – la terza stagione. La showrunner Jennifer Johnson assicura che vedremo un Ryan felice come mai prima, anzi arriva a giurare che “lo vedremo persino ballare”. Tuttavia il diretto interessato, Kevin Bacon, nutre qualche dubbio sulla svolta emotiva del suo personaggio: “Non so di preciso dove andremo a parare con questa terza stagione, ma ho come la sensazione che Ryan non è ancora pronto per la felicità”.

Se ci sarà o meno un lieto fine lo scopriremo solo con i nuovi episodi di The Following. Non ci resta che attendere.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.