FOX  

Addio True Blood, ci mancherai

Il nostro commento al series finale di una delle serie che hanno fatto la storia della TV

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

ATTENZIONE: l’articolo contiene importanti spoiler per il finale della settima stagione di True Blood.

“Si nasce, si ama e si muore”. Queste sono state, più o meno, le parole di Bill e così ha fatto anche la nostra serie di vampiri preferita. Questo finale di stagione ha ricevuto molte critiche, ma di certo c’è un fatto: ha chiuso tutte le porte che c’erano da chiudere

Nonostante i toni spesso leggeri o addirittura trash della serie, in questo episodio gli autori non hanno paura di trattare temi importanti e controversi. Il matrimonio tra Jessica e Hoyt, con le parole dello sceriffo Bellefleur “Love is love”, e Sookie che chiede al pastore se crede che Dio ci abbia fatto come siamo o se alcuni di noi sono un “errore” è infatti quasi sicuramente un accenno ai diritti LGBT. E giustamente, alla fine Sookie decide di rimanere fedele a se stessa, senza perdere i suoi poteri (e riesce a “vivere una vita normale” comunque). E anche la richiesta di Bill di ucciderlo prima che lo faccia la malattia potrebbe essere interpretata come un modo di parlare di eutanasia.

Tanti temi importanti e tanti personaggi a cui dire addio. 

Tutto torna alle origini, a Bill e Sookie e alla loro storia di amore disperata. Come dice Brian Buckner, lo sceneggiatore, è diventato chiaro negli ultimi anni che per i due non sarebbe mai stato “e vissero felici e contenti”.

Tutte le porte che potevano chiudersi si sono chiuse, dicevamo all’inizio.

Si sono chiuse su Jessica e Hoyt, felici e sposati, con Bill che esaudisce il suo ultimo desiderio: dare in sposa sua figlia all’uomo che ama.

Su Jason e Hoyt, di nuovo fratelli nell’animo.

Su Sookie che guida ancora il furgone di Alcide.

Su Eric e Pam di nuovo insieme, liberi e terribilmente ricchi (e cinicamente spietati).

Su tutti i nostri personaggi, amati e odiati durante queste sette stagioni, riuniti insieme in un’ultima cena a casa Stackhouse.

La vita è come la desiderava Sookie, che aspetta un figlio. E forse sappiamo per cosa dirà grazie, intorno a quella tavolata, durante la cena del Ringraziamento che chiude la stagione con un’inaspettata nota di tenerezza. Anche se non sapremo mai chi è il padre di suo figlio.

Addio True Blood, ci mancherai.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.