FoxCrime

L’indagine è donna

Le donne detective conquistano sempre più spazio nell’universo seriale. Ecco una breve carrellata.

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Gli investigatori in gonnella non sono certo una novità in tv. Fin dai tempi di Jessica Fletcher, la signora in giallo più famosa del mondo, le serie tv ci hanno fatto conoscere tante donne capaci di risolvere qualunque indagine, anche meglio dei loro colleghi maschi. Basti pensare a personaggi come l’agente dell’F.B.I Dana Scully di X-files o a Sarah McKenzie di J.A.G. (la serie da cui si originò come spin-off N.C.I.S.).

Negli ultimi anni, tuttavia, le detective del gentil sesso si sono moltiplicate visibilmente assumendo sempre più ruoli da protagoniste, proponendo agli spettatori dei profili umani e professionali tanto diversi quanto interessanti.

Si tratta di figure insieme forti e fragili, complesse, a volte nevrotiche, ma sempre molto brillanti e dotate di un forte spirito d’osservazione. Alcuni esempi? Potremmo citare la Sonya Cross di The Bridge, detective statunitense geniale affetta dalla sindrome di Asperger. Oppure la detective Sarah Linden di The Killing silenziosa ed acuta come poche. O ancora la tormentata Catherine Jensen di Those Who Kill. Non mancano poi delle figure più trasversali come la giornalista scandinava protagonista di Annika: Crime Reporter o le due spie Carrie Mathison di Homeland ed Elizabeth Jennings di The Americans.

Un elenco parziale che di sicuro è destinato a crescere nei prossimi anni. Soprattutto nei palinsesti di FoxCrime.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.