FoxCrime  

James Spader di The Blacklist parla della seconda stagione

James Spader (Red Reddington) parla del rapporto tra Liz e Red nella seconda stagione

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Secondo il protagonista della serie, James Spader (che interpreta il criminale Raymond “Red” Reddington), i misteri di The Blacklist non saranno semplici da risolvere come potrebbe sembrare.

Meglio dirlo da subito: la seconda stagione non avrà fretta di rivelare agli spettatori se Ray Reddington è veramente il padre di Elizabeth Keen. Secondo James Spader, infatti, le questioni da risolvere saranno ben altre.

Per esempio: quelle bruciature che abbiamo visto alla fine della prima stagione sulla schiena di Red, e che suggerivano una vera relazione tra lui e Liz? Ecco, mettetevi il cuore in pace perché non vedremo nessuno arrivare con un kit per l’analisi del DNA durante i primi episodi della seconda stagione.

“Quella storia non è ancora stata sviluppata. Elizabeth Keen ha parlato di un suo ricordo: era in un incendio da bambina e qualcuno l’ha tirata fuori da quell’incendio. Lei può ipotizzare che sia stato suo padre, ma non l’abbiamo mai confermato”.

Infatti Spader, che ha affermato che sarebbe “troppo facile” se Red fosse il padre biologico di Liz, pensa che gli spettatori metteranno da parte queste questioni paterne irrisolte man mano che la seconda serie si svilupperà.

L’unica certezza che ci ha dato è che la relazione di Red con l’FBI sarà diversa, dato che la sua “task force” è andata in pezzi alla fine dell’ultima stagione.

“Il protocollo secondo cui Red opera cambia radicalmente. Deve condurre le sue relazioni con l’FBI in un modo molto diverso, considerando gli ultimi eventi.”

Noi siamo sempre più curiosi di sapere come andrà, e voi?

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.