FOX  

Episodio 2.03: Fare amicizia e convincere la gente

Il commento alla puntata 3 di Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D. 2

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Attenzione! Il seguente articolo contiene spoiler.

Mancava all’appello solo lei. Certo, l’avevamo già vista nella season premiere, ma purtroppo si trattava solo di un’allucinazione. Ovviamente, l’avrete già capito, stiamo parlando dell’agente Jenna Simmons.

Un ritorno “in carne e ossa” confezionato a regola d'arte dagli autori, un ritorno che (almeno a chi scrive) ricorda il celebre inizio della seconda stagione di Lost: musica spensierata di sottofondo, senso di spaesamento di chi guarda, scene di tranquilla routine mattutina, colpo di scena finale che lascia a bocca aperta e ribalta la percezione.

Sì, perché vedere Simmons in un laboratorio dell’HYDRA fa lo stesso effetto dell’esplosione che ci fa capire di essere all’interno della “botola” con Desmond. Con le debite proporzioni, ça va sans dire.

Avanti veloce. Da questo momento in poi tutta la puntata è un'adrenalinica partita a scacchi tra HYDRA e S.H.I.E.L.D. in cui la posta in palio è una nostra vecchia conoscenza: Blizzard, all’anagrafe Donald Gill, il giovane scienziato con il potere di congelare qualunque cosa tocchi che avevamo già visto nella puntata 12 della stagione 1.

Al centro della scacchiera, infiltrata nello schieramento dei “neri”, proprio l’agente Simmons, impiegata sul campo in un pericoloso doppio gioco poco consono alle sue corde.

Merita poi un discorso a parte l'incontro-scontro tra Ward e Fitz. Quest'ultimo, ormai “danneggiato irrimediabilmente” per usare le sue stesse parole, scopre che il primo non solo è ancora vivo, ma è imprigionato sotto il suo naso.

Ed è allora che fa qualcosa che il vecchio Leo, il buono per antonomasia, non avrebbe mai fatto: decide di vendicarsi. Una scena cruda, adulta per gli standard a volte scanzonati della serie, che ammicca a un Fitz nuovo (qualcuno ha detto malvagio?) e a un Ward impegnato in un cammino di redenzione che non finisce di convincerci (possiamo davvero fidarci di lui?).

La puntata di ieri continua quindi nel solco delle precedenti raccontandoci, forse in maniera meno esplicita, gli affanni di un Coulson alla deriva costretto ad affidarsi da un lato al lavoro sotto copertura di un agente non qualificato per questo genere di missioni, dall'altro alle informazioni estorte (con le buone o con le cattive decidetelo voi) a un traditore.

Insomma, lo S.H.I.E.L.D. avrà anche vinto questa battaglia, ma la guerra con l'HYDRA è ben lungi dall'essere finita. E noi non vediamo l'ora che entri nel vivo.


L'appuntamento con Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D. 2 è per mercoledì prossimo alle 21.00 in contemporanea USA su FOX

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.