FOX  

Da sceriffo a capobranco, l’evoluzione di Rick Grimes

In cinque stagioni il personaggio di Andrew Lincoln si è spinto troppo oltre?

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Cosa diavolo è successo a Rick Grimes? Come ha fatto un integerrimo sceriffo a trasformarsi in sole cinque stagioni in un brutale capobranco? Che fine ha fatto la versione “campagnola” che aveva rinunciato a usare le armi?

Certo, il personaggio di Andrew Lincoln è stato cambiato dall’apocalisse zombie, come tutti, ma è legittimo sospettare che forse abbia superato la linea di non ritorno che separa l’uomo dalla bestia.

Un esempio? Quando prima investe e poi spara a sangue freddo a Bob (no, non quel Bob. Stiamo parlando del poliziotto di Atlanta che aveva tentato la fuga). Non è tanto il cosa ha fatto Grimes, in fondo aveva già ucciso e ucciderà ancora, ma il come.

Cosa si prova a vestire i panni di un personaggio del genere? Entertainment Weekly lo ha chiesto al diretto interessato, Andrew Lincoln.

“È eccitante. Voglio dire, Rick è temerario e libero come mai prima d’ora”. Non solo: “Come attore, so che posso tirare fuori ancora molto da questo personaggio. Può essere ancora più selvaggio e ciò mi permette di giocare con un sacco di emozioni diverse”.

“Da un certo punto di vista è spaventoso, ma anche emozionante. È il lavoro più bello del mondo” ha quindi chiosato l’attore.

E a fugare i dubbi di chi pensa che Rick sia spinto troppo oltre ci pensa Scott M. Gimple, lo showrunner della serie: “Sa di essere legato a Daryl. Daryl è la sua ancora emotiva, la sua bussola morale. Le persone che lo circondando – gli amici e la famiglia – gli impediscono di andare alla deriva”.

Quello che ci attende nei nuovi episodi di The Walking Dead 5, dal 9 febbraio in contemporanea USA su FOX, è quindi un Rick più violento, ma ancora umano. Un Rick che non ha paura di sporcarsi le mani, che fa ciò che è necessario per proteggere il branco. Prescindendo dal concetto di bene o male. Un vero e proprio maschio alfa, insomma.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.