FOX  

Il rimpianto segreto di Kirman

Il creatore di The Walking Dead cambierebbe solo una cosa della serie.

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Robert Kirkman, il creatore di The Walking Dead e uno degli autori di fumetti più potenti al mondo, deve la sua notorietà al suo capolavoro "zombesco" e non cambierebbe nulla della sua trasposizione televisiva. O quasi.

Sì, perché il produttore ha recentemente svelato il suo più grande rimpianto nella lavorazione della serie.

“Se avessi la possibilità di fare tutto da capo non avrei scritto l’episodio sul CDC” (il Centro di controllo malattie, che è nella finale della prima stagione). In quella punta, come molti ricorderanno, Edwin Jenner, il medico del CDC interpretato da Noah Emmerich, svela a Rick che tutti sono già infetti. “Credo che abbia rivelato troppo ed è stato un cambiamento troppo forte per essere così presto nella storia della serie.”

| Potrebbe interessarti anche: 7 buoni motivi per cui The Walking Dead non potrebbe esistere nella realtà |

Nei fumetti infatti Rick e compagnia vengono a conoscenza di questo fatto dopo la morte della figlia di Tyreese, Julie, che rimane uccisa in quello che avrebbe dovuto essere il patto suicida con il fidanzato Chris. Quando si trasforma senza essere stata morsa da un errante il gruppo comincia a mettere insieme i pezzi del puzzle.

Penso che ci siano dei modi migliori con cui avremmo potuto chiudere la prima stagione. Ha finito per essere un episodio divertente, adoro il personaggio del dr. Jenner e credo che Noah [Emmerich] abbia fatto un lavoro ineccepibile. Ma credo che ci siano cose in quell’episodio che sembrano fuori dal mondo di The Walking Dead.

Anche l’accenno al lavoro degli scienziati francesi è stato uno sbaglio: “Sono stato molto attento nei fumetti a non parlare di quel che sta succedendo in altre parti del mondo. È un tema che sarà interessante sviluppare nello spin off (leggi il nostro articolo). Ma il fatto che la Francia sia menzionata in quell’episodio… è un tema che eviterei se potessi rifare tutto.”

La rivelazione del fatto che tutti quelli che muoiono diventano erranti è sicuramente un fatto importantissimo nell’arco narrativo della serie, e un modo molto drammatico per chiudere una stagione.

Voi cosa ne pensate? Troppo e troppo in fretta? Noi pensiamo che quando si parla di The Walking Dead non ne abbiamo mai abbastanza.

Appuntamento a lunedì con The Walking Dead, alle 21 in contemporanea USA su FOX!

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.