FoxCrime

Leo Mattei e la macchia sul naso

Jean Luc Reichmann ci spiega perchè non si sia mai fatto togliere la caratteristica macchia sul naso

0 condivisioni 0 commenti

Share

Chi si nasconde dietro l’integerrimo capitano dell’unità speciale di protezione minori?

Uno dei francesi più famosi nella sua terra natia: Jean Luc Reichmann. Nato nel 1960 a Fontainebleau, piccolo centro nel dipartimento di Senna e Marna, è uno dei presentatori e attori più conosciuti in Francia.

[Potrebbe interessarti anche: Un super papà per Leo Mattei: Unità Speciale]

Persona poliedrica: nato come speaker radiofonico, cresciuto come doppiatore per diversi videogiochi, come ad esempio FIFA, si è poi specializzato nella comunicazione via cavo avendo condotto svariati programmi (Giochi senza frontiere tra i più famosi).

Potevano mancargli il cinema e il teatro? Ovviamente no! Con ruoli più o meno importanti, ha fatto parte di diversi cast per film, serie TV e addirittura pièce teatrali.

Tanti anni di successo e una caratteristica che lo ha reso unico: l’evidente macchia rossa che ha sul naso. Lui però non sembra aver problemi a riguardo.

L’ha rivelato in un’intervista rilasciata a Thé ou cafè in cui ha ammesso: “Mi hanno chiesto più volte di toglierlo. Mia mamma, quando ero piccolo, mi ha portato in ospedale per l’operazione ma era troppo dolorosa. Ci convivo ormai da 45 anni ma non mi ha mai dato grossi problemi.”

Ma non è stato sempre così: “Quando ero piccolo, i compagni di scuola mi prendevano in giro per questa macchia, ma col tempo ho imparato ad ignorarli e a costruirci un personaggio attorno”. E prosegue “Se sono arrivato dove sono, è anche grazie a questa macchia che mi ha differenziato dagli altri”.

Un uomo tutto d’un pezzo questo Leo Mattei, nella vita come nella serie TV. Serie che inizierà questa sera alle 21.55 in prima visione assoluta su FoxCrime.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.