FOX  

Specchio servo delle mie brame, chi è la più cattiva del reame?

Le regine dell’oscurità sono arrivate a Storybrooke. Chi di loro è la più malvagia secondo voi?

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ursula, Malefica e Crudelia De Mon: il trio più malefico della storia di “C’era una volta” è pronto a rendere oscuro il cielo di Storybrooke.

La cittadina di Mary Margaret e “Azzurro” David vedrà letteralmente tempi bui nei prossimi episodi, incapace inizialmente di reagire alle nuove minacce, probabilmente ancora abbagliata dal bianco splendore del ciclo di Frozen.

[Potrebbe interessarti anche: Le regine dell’oscurità stanno arrivando ]

Il primo impatto con le tre regine è stato in realtà diverso da come forse lo si aspettava: non esseri di pura malvagità ma, sia nel mondo della foresta incantata che in quello di Sotrybrooke, abbiamo conosciuto tre personaggi in cerca di redenzione, quel lieto fine che la malvagità non permette. Ma non preoccupatevi, la loro vera essenza presto verrà fuori. Ormai lo sappiamo bene, in C’era una volta nulla è mai come sembra e anche il più puro dei personaggi nasconde qualcosa, proprio come la coppia “perfetta” Mary-David: che cosa è successo nella foresta incantata? Come mai Mary Margaret dice che la colpa della perdita del bambino di Malefica è loro?

La perdita di un figlio da una parte, la rabbia del raggiro per Ursula e Crudelia delineano il motivo comune che ha portato alla formazione del trio: la vendetta.

La vera domanda è: contro chi? E per cosa?

Lo scopriremo nei prossimi episodi, ogni martedì alle 21 in prima assoluta su FOX.

Nel frattempo vi chiediamo: chi è secondo voi la minaccia più grave per gli abitanti di Storybrooke?

A voi la parola. 

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.