FOX

5 indizi per scoprire se si è #DrogatiDiSerieTV

Se per te le stagioni sono solo quelle televisive, beh, potresti proprio essere uno di noi!

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Sono animali solitari, prediligono gli ambienti bui illuminati dalle tenui luci dei pannelli LCD e sono predatori famelici dall’appetito insaziabile.

Naturalmente stiamo parlando dei #DrogatiDiSerieTV, i divoratori di puntatine [nell’immagine potete ammirare un'esemplare femmina nel suo habitat naturale*].

Noi di FOX ne facciamo parte (come è doveroso che sia) ma non siamo certo i soli. La schiera dei nostri simili è assai nutrita e va ingrossando le proprie fila giorno dopo giorno, episodio dopo episodio.

E tu, pensi di essere uno dei #DrogatidiSerieTV? Credi di meritare un appellativo così prestigioso? Ecco 5 indizi che ti aiuteranno a scoprire se sei uno di noi!


1. La tua settimana segue un’agenda fitta e rigidissima. Non quella lavorativa, o quella scolastica, a seconda dell’età, ma quella televisiva. Il palinsesto, insomma. E, no, non ammetti sgarri. Non c’è cinema, pizza, birra o [inserire impegno socialmente rilevante] che tenga: d’autunno, il lunedì alle 21.00 per te c’è solo The Walking Dead. Giusto per fare un esempio, perché ogni giorno, ogni sera, hai sempre qualche puntatina da vedere. Va da sé che a queste condizioni è difficile avere una vita sociale, ma non è che uno può avere tutto.

2. Se non stai guardando serie TV, parli di serie TV. Uno dei rischi più concreti per un/a Drogato/a di Serie TV è infatti quello di diventare monotematico/a (e da qui in avanti basta con il politicamente corretto maschile/femminile, promesso). Lo sconvolgente finale di stagione sulla bocca di tutti, una guest star che proprio non ti aspetti, l’episodio pilota un po’ sottotono di quel nuovo medical drama che tanto bene sembrava promettere… gli argomenti di conversazione sono tanti e tali che (finalmente!) hai messo al bando le stupide frasi di circostanza. Addio “Hai visto che tempo? Assurdo!”, benvenuta “Hai visto l’ultimo episodio di Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D.? Assurdo!”.

3. Le citazioni sono il tuo pane quotidiano. All’inizio i tuoi amici e parenti sorridevano divertiti etichettando la cosa come un curioso vezzo passeggero. Con il passare delle settimane hanno iniziato a guardarti con crescente sospetto e ora a stento tollerano la tua presenza a tavola. Questo perché hai smesso di parlare *davvero* con loro e hai iniziato a parlare attraverso le frasi delle tue serie TV preferite. Frasi che ignorano, ed è qui che nasce il problema. Che poi è solo colpa loro. «Si vive insieme si muore da soli», baby.

4. Quando una serie finisce ti manca che fa quasi male. E fa anche un male cane, inutile girarci attorno. Un vero e proprio lutto (metaforicamente parlando). Perché quel gruppo di irresistibili mattacchioni della tua sit-com preferita era un po’ il *tuo* gruppo di irresistibili mattachioni. Le loro (dis)avventure erano un po’ le *tue* disavventure. Inutile cercare di sostituirli buttandosi nella spasmodica ricerca di una nuova serie per riempire il vuoto. Per fortuna esistono le repliche e l’On Demand, benedetto sia il progresso!

5. Non è un hobby, non è uno stile di vita. È una religione. La visione della puntatina è un rito, la TV un altare pagano e tu sei il sacerdote che officia la cerimonia. Serve aggiungere altro?


* Lo sappiamo, smettetela di urlare e scalciare sulla sedia (che magari siete pure in ufficio!): l’immagine di Penny è “sbagliata”. Tratta dalla 2x3 di The Big Bang Theory mostra una “drogata” di videogiochi, non di serie TV. Ma è un falso storico utile alla nostra causa.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.