FOX  

Episodio 6.05: “Adesso"

Il commento all’episodio 5 della sesta stagione di The Walking Dead.

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Attenzione! L'articolo contiene spoiler sull'episodio 5 di The Walking Dead 6.

“Aver paura fa schifo” ecco l’essenza di “Adesso”, la quinta puntata di The Walking Dead 6.

Gli abitanti di Alexandria lo hanno finalmente capito: dopo un primo momento di spaesamento e confusione, di cui Deanna è l’emblema, una volta affrontato il nuovo mondo, hanno finalmente preso coscienza di ciò che sta accadendo attorno a loro.

Ma non solo. Comprendere non basta: bisogna reagire e non fermarsi alla paura, altrimenti si muore.

Lo sintetizza perfettamente Jessie: “Un tempo non volevo vedere come stavano realmente le cose. Non che non ci riuscissi. Semplicemente non volevo. Ma ora la nostra vita è cambiata. Dobbiamo vedere la realtà delle cose. Dobbiamo combatterla. E se non combattiamo, allora moriremo”.

Conoscere la situazione aiuta a combattere la paura. Combattere la paura permette di gettare il cuore oltre all’ostacolo. Gettare il cuore oltre all’ostacolo aiuta il processo di adattamento al nuovo mondo, spingendoti a fare cose che mai avresti pensato di fare prima. “Aver paura fa schifo”: così Tara spinge Denise a superarsi per salvare gli altri, così Carl cerca di stimolare Ron, palesemente terrorizzato dal mondo esterno, così come il fratellino più piccolo.

Interiorizzato questo concetto, si può voltare pagine e capire come agire per sopravvivere: Deanna avvalla la Ricktatorship, dando a Rick lo scettro del potere, perché solo uno come lui, con il suo carisma, con la sua voglia di andare avanti può salvare la città.

Ma sopravvivere, ovviamente, non basta: bisogna trovare un senso al proprio vivere.

Maggie si aggrappa alla speranza che Glenn sia ancora vivo, disperso da qualche parte la fuori, proteggendo il loro bambino (a proposito, Aaron o Erin, cosa preferite? ;) ), Carl al desiderio di Enid. E suo padre, a quanto pare, alla bella Jessie che sembra ricambiare “con affetto”

E gli altri? Beh, gli altri non hanno che un’unica persona a cui affidarsi, quella in cui riporre la propria fiducia: Rick, l’unico in grado di guidarli fuori dal pericolo.

C’è però un nuovo pericolo all’orizzonte: avete visto il sangue colare dalla parete di protezione della città nel finale dell’episodio? La barriera sta per cedere? Come è possibile che ci sia del sangue lì, e, soprattutto, di chi è?


Lo scopriremo lunedì prossimo, alle 21, sempre in contemporanea USA su FOX.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.