Il presepe zombie che costa al suo creatore 500 dollari al giorno!

di -

Per festeggiare l'arrivo del Natale, l'americano Jason Dixon ha deciso di decorare il suo giardino con una rappresentazione della Natività... in stile zombie movie.

La natività in chiave zombie di Jason Dixon

51 condivisioni 15 commenti

Share

I latini sostenevano che nel nome di ogni uomo ci fosse il suo destino, deve essere quello che pensava anche Jason Dixon.

Quest’uomo d’affari di Deer Park, Ohio, infatti, deve essersi  lasciato influenzare così tanto dal portare lo stesso cognome del personaggio interpretato da Norman Reedus in The Walking Dead da voler festeggiare il natale mettendo nel suo giardino una natività… zombie!

Ebbene sì in questo presepe da giardino tutti, compresi Giuseppe, Maria e persino Gesù Bambino, hanno l’aspetto di terrificanti non-morti.

La cosa non è affatto nuova per il signor Dixon, che l’anno scorso si è visto richiedere dal comune della sua città di togliere il suo presepe di romeriana memoria dal giardino perché privo di regolari permessi. Quest’anno Dixon ha provato a giocare d’anticipo richiedendo i dovuti permessi ma gli sono stati rifiutati e così ha deciso di sfidare le autorità allestendo nuovamente questa Natività quantomeno anomala.
La cosa non è affatto andata giù alla municipalità che ha deciso di multare Jason Dixon di 500 dollari al giorno finché non avrà tolto questa sua opera dal proprio giardino.

La motivazione ufficiale di tale scelta sarebbe perché l’allestimento occupa più del 35 per cento dello spazio previsto dal regolamento comunale, tuttavia Jason Dixon non è per niente convinto è sostiene che sia un semplice accanimento contro la sua Natività sui generis.

Vedremo come si svilupperà la cosa, il signor Dixon non sembra intenzionato a mollare. Certo, è innegabile che Gesù sia morto e risorto, ma ciò avveniva a Pasqua.

E di certo non in questo modo.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.