FOX  

La video storia di X-Files: l'Uomo che Fuma e i segreti del mondo

di -

Nel suo primo finale di stagione, X-Files ci mostra la determinazione di Mulder e la sua impotenza di fronte all'Uomo che Fuma, depositario di tutti i segreti.

342 condivisioni 31 commenti

Condividi

Chiudere gli X-Files, per fermare il lavoro di Mulder e Scully e soprattutto per impedire a Mulder di continuare a fare domande scomode: non c'era modo migliore per concludere questa prima stagione.

O forse sì. Forse ce n'era uno: mostrarci il grande burattinaio, l'Uomo che Fuma, mentre si aggira fra gli scaffali che nascondono tutti i segreti del mondo. Tutte le prove che le teorie di Mulder sono fondate, e che il Pentagono - perché è qui che si trova il magazzino dei segreti - nasconde cose indicibili. Prove di rapimenti alieni, torture, manipolazioni. Prove di abusi e soprusi. Prove che il mondo non è affatto come pensiamo che sia, e che nell'ombra agiscono forze di cui non sospettiamo nemmeno l'esistenza. Il fumo uccide, ma anche l'Uomo che Fuma non scherza.

L'essenza di X-Files e del suo successo sta tutta qui: nel mettere di fronte a due personaggi onesti e desiderosi di scoprire la verità - Mulder con la fede, Scully con la scienza - il simbolo di un Governo che farà di tutto perché la verità non emerga mai.

L'Uomo che Fuma compare per la prima volta nell'episodio pilota. Lo conosceremo meglio più avanti, grazie alla sua fondamentale importanza nella trama di X-Files, ma sappiamo già tutto ciò che per molto tempo ci verrà dato sapere, su di lui.

Sappiamo che possiede le chiavi del regno, di quel magazzino in cui Mulder troverebbe risposta a tutte le sue domande. Quel magazzino che, non a caso, compare per la prima volta nell'episodio pilota, insieme all'Uomo che Fuma intento a nascondervi qualcosa, e nel primo finale di stagione, nella stessa situazione. Quel magazzino è il centro del mondo, la sede della verità. Il Santo Graal di Mulder e di chiunque voglia sapere.

L'Uomo che Fuma lavora per conto di altri, persone ancora più potenti, e spesso svolge (o fa svolgere ad altri, per esempio a Krycek) il "lavoro sporco". Perfino Mulder, inconsapevolmente, a volte gli faciliterà le cose nel far emergere false verità, così ben architettate da risultare (a prima vista) credibili anche agli occhi di uno che non molla mai.

Uno come Mulder che, in questo primo finale di stagione dice a Scully, e a noi, l'unica cosa che vogliamo sentire: "Non mi arrendo, non posso arrendermi. Non finché ci sarà una verità da scoprire".

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.