FOX  

La video storia di X-Files: autopsia interrotta di un alieno

di -

La storia di X-Files ci fa rivivere uno dei suoi episodi di culto, incentrato sull'autopsia di un alieno, bruscamente interrotta da un misterioso attacco armato...

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Il titolo originale di questo episodio, Nisei, fa riferimento a un termine giapponese che in America viene usato per definire i figli di immigrati giapponesi nati nel nuovo Paese. La seconda generazione, insomma, quella che affonda le proprie radici nella cultura della sua terra d'origine per mescolarla con quella del Paese in cui nasce e cresce. Non a caso, l'equipe medica che esegue l'autopsia nel video è formata da uomini giapponesi.

L'azzeccato titolo italiano, invece, fa riferimento a un classico della fantascienza: quella "autopsia di un alieno" protagonista di tanti film e romanzi, uno dei quali (Alien Autopsy) racconta l'idea di due ragazzi inglesi che filmano un'autopsia aliena fasulla e fanno i soldi con la vendita del video.

Anche l'autopsia di X-Files proviene da un video: quello che Fox Mulder ha acquistato tramite una rivista al prezzo di $29.95, affermando di meritarsi la verità per quel prezzo (oltre spese di spedizione). Battute a parte - e questa è una delle mie preferite di tutta la serie - l'episodio introduce per la prima volta il personaggio dell'agente Pendrell (Brendan Breiser, I misteri di Murdoch) ed è uno dei più celebri e amati dai fan.

Unisce infatti l'ironia che ha contribuito al successo della serie, di cui Mulder è portavoce ufficiale, tanta azione (David Duchovny si è davvero fatto una bella corsetta sul tetto del vagone di un treno, per le riprese), tensione (il commando armato che irrompe a fermare l'autopsia nel video ha lasciato di stucco molti telespettatori) e tutti i riferimenti alle teorie che da decenni accusano gli Stati Uniti di conservare un cadavere alieno nella famigerata Area 51.

Questo episodio si può considerare una sorta di "summa" del meglio di X-Files, che in questa terza stagione continua a crescere in qualità. Presa confidenza con i principali temi trattati e forte di personaggi ormai idolatrati dal pubblico, Chris Carter si diverte ancora di più a giocare sulla letteratura di genere, sulle leggende popolari e sullo stesso X-Files: il numero di del vagone in cui si svolge l'autopsia è 82594. La data (8/25/94, come sapete negli Usa il mese precede il giorno) è, guarda caso, quella in cui Carter diresse il suo primo episodio di X-Files: Duane Barry.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.