FOX   

La video storia di X-Files: il reverendo Orison e la fede di Scully

di -

Mulder interrompe bruscamente Scully mentre parla di fede e di religione con il reverendo Orison, la guest star Scott Wilson (Hershel in The Walking Dead).

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nuovo “incrocio” fra X-Files e The Walking Dead: dopo l’incontro con Marita Cuvarrubias (Laurie Holden, Andrea in The Walking Dead), eccoci al cospetto del grande Scott Wilson (l'indimenticabile Hershel Greene nella serie tratta dal fumetto di Robert Kirkman).

L’episodio è Orison e la sequenza in questione è quella in cui Scully va in ospedale a trovare il reverendo Orison (per sottolineare la sua importanza, il suo nome ha dato il titolo all’episodio).

Ne nasce una delicata e interessante discussione sulla questione della religione. L’arrivo di Mulder, che chiude bruscamente la scena, è la conferma dell’inversione dei ruoli: questa volta è lui lo scettico, l’uomo senza fede, colui che non crede a qualcosa che non può vedere; mentre Scully, che sappiamo essere credente, contraddice la sua cieca fiducia nella scienza accettando di credere in qualcosa di cui non ha prove tangibili.

La fede religiosa di Scully è sempre stato uno degli aspetti più interessanti del personaggio, proprio perché in aperto contrasto con la sua formazione e il suo sguardo scientifico sul mondo.

L’uomo di fede, invece, è sempre stato Mulder, ma è ora di fare i conti con la realtà: Scully non è più quella di prima. Tutto ciò che ha visto e vissuto sulla propria pelle l’ha cambiata. La sua mente si è aperta, mettendola sulla stessa lunghezza d’onda di Mulder. Il quale, invece, sente di doverla “difendere” in qualche modo dalla presenza insidiosa del reverendo. Che secondo Mulder tutto è, tranne che un brav’uomo di chiesa…

Mentre noi, riflettendo sulla questione, ci troviamo di fronte a una bizzarra coincidenza: anche il personaggio interpretato da Scott Wilson in The Walking Dead, Hershel, è profondamente religioso. Tanto da risultare “cieco” di fronte alla necessità di riconsiderare in fretta la morte, in un mondo in cui i cadaveri si rialzano per dare la caccia ai vivi.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.