FOX  

The Chicago Code: un manuale con le regole per un grande poliziesco

di -

FOX trasmette le repliche della prima e purtroppo unica stagione di The Chicago Code: un grande poliziesco vittima dell'eccesso di offerta nel genere in TV.

Il cast di The Chicago Code

101 condivisioni 12 commenti

Condividi

Shawn Ryan non è uno qualunque. Il suo nome fa parte dell'elenco dei produttori e degli sceneggiatori televisivi più rispettati nell'ambiente. Eppure The Chicago Code, la serie che aveva creato dopo il grande successo di The Shield, è stata cancellata dopo una sola stagione.

Le ragioni? I cambiamenti del gusto dei telespettatori e il genere principale di appartenenza, il poliziesco, che dopo decenni di successi ha iniziato a scricchiolare. The Chicago Code, che FOX sta ritrasmettendo dopo averlo fatto conoscere al pubblico italiano in prima visione, è vittima di un grande cambiamento.

Le parole di Kevin Reilly, dirigente alla Fox all'epoca della cancellazione, ne sono la prova. Quando Reilly chiamò Ryan per annunciargli che la sua serie non avrebbe avuto un seguito, gli disse:

Penso che ci sia in atto un grosso cambiamento nel panorama televisivo. E non necessariamente nel verso giusto.

Non posso che essere d'accordo con lui, se una serie che applica alla perfezione le regole per costruire un grande poliziesco viene cancellata senza troppi ripensamenti.

Jennifer Beals è Teresa Colvin in The Chicago Code

Dopo le vicende di The Shield, la corruzione nella polizia e nell’amministrazione pubblica in genere si sposa ancora con le sfide quotidiane di chi rischia la vita fra mille difficoltà. E si affianca ad appassionanti casi su cui indagare. In The Chicago Code i personaggi, dai politici corrotti agli agenti di polizia che si barcamenano fra carenza di equipaggiamento e colleghi che chiudono un occhio troppo spesso, sono tutti ben tratteggiati.

Il sovrintendente Teresa Colvin (un'ottima Jennifer Beals) è il simbolo della volontà di fare il proprio dovere senza scendere a compromessi. Il detective Jarek Wysocki (Jason Clarke) invece rappresenta l’uomo onesto che a compromessi è costretto a scendere, per sopravvivere in strada, ma con l’intelligenza finisce per far fruttare anche il compromesso: la sua anima non è in vendita. La sua integrità non è in discussione. Non se riferita all’orizzonte immorale e degradato che fa da punto di riferimento in una Chicago marcia fino al midollo, almeno.

The Chicago Code applica tutte le regole del poliziesco perfetto: un sistema corrotto con uomini d’onore che lo combattono dall’interno; il detective esperto che si muove con perizia fra le strade insidiose della città, affiancato dall’agente novellino che deve ancora imparare tutto, soprattutto ad applicare la legge in modo “adeguato alla situazione”. Personaggi che si guadagnano il rispetto dei colleghi e l'affetto dei telespettatori con i fatti, più che con le parole, com'è giusto che sia in un poliziesco.

The Chicago Code si potrebbe definire l’equivalente poliziesco di The Newsroom: una riflessione continua sui mali della nostra società attraverso le voci incrociate di personaggi con storie, approcci e caratteristiche molto diverse. E, sebbene non abbia avuto il tempo di portare a compimento il suo progetto, vale la pena di vederla e rivederla. Per mettersi sotto gli occhi un esempio concreto di come si fanno i grandi polizieschi in TV.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.