Alex Proyas, regista del Corvo originale, non è contento del remake

di -

Alex Proyas, il regista del cult Il Corvo con Brandon Lee, non è d'accordo sul remake dello storico film. Non è necessario, secondo Proyas.

Brandon Lee in The Crow

168 condivisioni 34 commenti 0 stelle

Share

A novembre si è venuti a conoscenza dell'inizio delle riprese di un remake del Corvo, il film cult con Brandon Lee del 1994. La macchina della produzione dovrebbe cominciare questa primavera, dopo che Relativity Media uscirà dai guai giudiziari legati alla bancarotta.

Il regista del progetto è Corin Hardy ma riguardo al cast non si sa ancora nulla: il nome che interpreterà Eric Draven, dopo alcuni candidati, è ancora avvolto nel mistero. L'attrice Jessica Brown Findlay è l'unica legata al progetto: dovrebbe interpretare Shelly.

Mentre aspettiamo aggiornamenti sul film, Alex Proyas, regista della pellicola originale del 1994, ha detto la sua sul remake e sulla spirale di rumor che gli gira attorno.

il regista Alex Proyas

Parlando del suo nuovo film, Gods of Egypt, il regista ha detto a Collider:

Personalmente penso non ci sia necessità di farlo. Ho terminato il film originale solo per onorare Brandon ed è la sola ragione per cui l'ho fatto. Sono felice di averlo fatto per quel motivo. Penso che sia la sua eredità e, personalmente, non dedicherò tempo a persone che tentano di far rivivere il film in altri modi. Quindi, sapete, per me questa è una situazione in cui sarebbe carino che Hollywood lasciasse stare e permetterebbe al film di continuare ad essere l'eredità di Brandon Lee.

Brandon Lee ha interpretato Eric Draven nel classico degli anni '90 ma è rimasto tragicamente ucciso durante un incidente sul set a metà della produzione. Il Corvo ha raccolto solo 50 milioni al botteghino ma con gli anni è diventato un film di culto come pochi. La storia, basata sul fumetto di James O'Barr, era ed è un capolavoro che ha saputo incantare generazioni intere.

Il remake è basato su un copione di Alex Tse e Jesse Wigutow, copione che lo stesso O'Barr ha definito come molto più fedele ai fumetti rispetto al film del 1994.
Staremo a vedere...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.