FoxLife

È questione di merito: Cristina Bowerman VS le donne non sanno comandare

Chef stellata e imprenditrice, Cristina Bowerman è una delle testimonial di "È Questione Di Merito", il progetto Fox Life e The Circle Italia Onlus contro i pregiudizi sulle donne.

Cristina Bowerman è uno dei volti di E' questione di merito, campagna FoxLife e The Circle

275 condivisioni 12 commenti 5 stelle

Share

Da Cerignola a San Francisco per studiare, farsi le ossa e coltivare un sogno. Tornare in Italia e affermarsi nel proprio campo, ricoprendo una posizione di comando, fino a conquistare un pubblico internazionale. Tutto con le proprie forze.

Ci vogliono le palle, vero?! No, è #QuestioneDiMerito!

Stiamo parlando di una persona determinata, di una donna, di una chef stellata: Cristina Bowerman.

Se una donna si comporta da capo viene definita una donna con le palle. Perché dover usare un’attribuzione maschile per definire una donna?

Cristina non ci sta ad accettare il luogo comune che le donne non sappiano comandare e non potrebbe nemmeno se lo volesse, perché la sua storia è la dimostrazione concreta che non solo le donne ne hanno la capacità, ma lo fanno già con successo.

Perché allora questa convinzione è così radicata?

Secondo Cristina manca la diffusione mediatica di un modello femminile che dimostri che le donne ricoprano ruoli di grande responsabilità e che sia d’ispirazione per i ragazzi che stanno crescendo.

Questo è il passo successivo che noi donne dobbiamo fare, perché noi stesse dobbiamo cercare di diffondere quel role models, molto più di altri.

Un passo che Cristina Bowerman ha compiuto insieme a È Questione Di Merito, il progetto di Fox Life e The Circle Italia Onlus, dedicato alle donne e al merito, che parte dalla necessità di smitizzare alcuni luoghi comuni sulle donne e sulle loro capacità personali e professionali.

Cristina ha dovuto combattere col pregiudizio fin dai suoi esordi in cucina, con la consapevolezza di “invadere” un territorio prettamente maschile e la convinzione che l’unico modo per affermarsi fosse quello di dimostrarsi una chef seria e preparata, anche più di molti colleghi.

Quella è la parte che ho voluto sottolineare anche nella mia competizione con gli uomini: per me questa è la figura della professionista, voglio essere così.

La storia di Cristina ci dimostra come in un ruolo di comando non conta essere uomo o donna.  È #QuestioneDiMerito.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.