FOX

X-Men: Apocalisse è il Terminator della saga mutante di Bryan Singer

di -

Dalle distonie temporali di Giorni di un Futuro Passato alla fine del mondo. X-Men: Apocalisse è l'epico capitolo finale della seconda trilogia della saga mutante.

Oscar Isaac è il villain Apocalisse

408 condivisioni 22 commenti 0 stelle

Share

Il 27 maggio 2016 arriverà nelle sale X-Men: Apocalisse, il capitolo finale della seconda trilogia mutante diretto da Bryan Singer, il deus ex machina del franchise targato 20th Century Fox. Dopo le distonie spazio-temporali di Giorni di un Futuro Passato, ora il regista de I Soliti Sospetti racconta l'Apocalisse con cui sono costretti a fare i conti gli X-Men.

X-Men: Apocalisse è ambientato 10 anni dopo gli eventi narrati nel precedente film (dal 1973 al 1983) e annovera un villain "storico": Apocalisse, millenario supereroe a cui presta il volto l'Oscar Isaac di Star Wars: Il Risveglio della Forza.

Il potentissimo semidio si risveglia da un letargo atavico e intende sterminare sia la razza umana che mutante con l'aiuto di 4 cavalieri (i riferimenti biblici si sprecano): Psylocke (Olivia Munn), Arcangelo (Ben Hardy) e Tempesta (Alexandra Shipp), a cui si unirà un Magneto smarrito e vulnerabile sotto il profilo emotivo.

A prestare il volto al signore dei metalli Erik Lehnsherr sarà ancora una volta Michael Fassbender, reduce dalla nomination all'Oscar come Miglior Attore per Steve Jobs. L'attore irlandese, impegnato nelle riprese di Assassin's Creed, è per la terza volta la versione "young" del villain impersonato da Ian McKellen nella saga.

Michael Fassbender è Magneto nel nuovo capitolo della saga degli X-MenHD20th Century Fox

 I toni dark del film e le soluzioni stilistiche adottate da Bryan Singer si mantengono fedeli all'imprinting dato dal regista di Operazione Valchiria alla saga mutante: lo spazio per l'umorismo è ridotto all'osso e le caratterizzazioni dei personaggi - dalla fuggitiva Mystica di Jennifer Lawrence al tormentato professor Xavier di James McAvoy - tendono al cupo.

X-Men: Apocalisse si preannuncia come il capitolo più epico e avvincente della saga X di Marvel al cinema, mettendo in scena l'Armageddon e scegliendo di ambientare la (probabile) fine del mondo nei primi anni '80, rimanendo in qualche modo fedele ad un cult di quegli anni già omaggiato da Bryan Singer in precedenza: Terminator.

La scena dell'Apocalisse in Terminator 2HDPenta Film

Se X-Men: Giorni di un Futuro Passato ripropone la giostra delle sliding doors temporali del film di James Cameron, scegliendo di alterare la timeline degli eventi, il nuovo capitolo della saga si rifà a Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio, specie nel proporre l'incombente minaccia della fine del mondo: stavolta, però, i pericoli per la razza umana non sono le macchine ribelli o le Sentinelle, bensì il villain Apocalisse, mutante leggendario.

Il nuovo poster di X-Men: Apocalisse20th Century Fox

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.