FOX  

Falling Skies 3: la recensione dei primi due episodi

di -

Falling Skies è tornato. E lo ha fatto alla grande: abbiamo assistito a colpi di scena e importanti cambiamenti in questi primi episodi della terza stagione.

Falling Skies: il discorso di Mason 3x02

339 condivisioni 70 commenti 4 stelle

Share

Lo schema-base di Falling Skies, anche in questa terza stagione, non è cambiato.

La Resistenza guidata da Tom Mason, eletto Presidente degli Stati Uniti, continua a pianificare missioni e a rischiare la vita per portarle a termine.

La guerra contro gli Espheni, gli alieni “padroni” che comandano i Mech, gli Skitter e la new entry della stagione, i Mega Mech, non si può fermare.

Nelle missioni di questi primi due episodi, Tom continua a guidare i suoi uomini in battaglia, dimostrando che un vero leader dà sempre il buon esempio.

A cambiare, semmai, è lo scenario. L’aiuto dei Volm, la razza aliena nemica degli Espheni, si rivela fondamentale in più di una situazione, ma lo scetticismo degli umani è giustificato.

Come gli Skitter ribelli, anche i Volm non godono della fiducia dei nostri, il che contribuisce a tenere sempre alta la tensione e a sollevare il problema dell’accettazione del diverso, della difficoltà nel credere nel cambiamento altrui.

Falling Skies: un Mega Mech

E mentre un alleato, Arthur Manchester, esce di scena per mano della spia (di cui aspettiamo di conoscere l’identità), un nuovo personaggio fa il suo ingresso: è il dottor Kadar (Robert Sean Leonard), il genio della lampada della situazione.

Insieme ai ragazzini che giocano con la dinamite e alle schermaglie amorose fra i personaggi, ha il compito di sottolineare come la vita continui. Sempre. Perfino nelle condizioni più precarie

Il fascino di Falling Skies sta tutto qui: in una serie che, sullo sfondo di un mondo intento a resistere all’invasione aliena, continua a essere quello di sempre.

Genio e sregolatezza, ragazzini ribelli, amori e gelosie: l’umanità prevale e si contrappone agli alieni per ricordarci la bellezza della nostra imperfezione. Mentre la neonata Alexis (il cui sviluppo precoce ricorda la Elizabeth di Visitors), serve invece a sottolineare come il mondo sia effettivamente cambiato, per quanto gli uomini seguitino a fare sempre le stesse cose.

E come i segreti, in guerra, siano ancora più pericolosi che in tempo di pace.

Tutto, in questi primi due episodi della nuova stagione, ruota attorno a ciò che non funziona fra i sopravvissuti: gli esseri umani. Pope continua a remare contro, dimostrandosi un elemento sempre più destabilizzante, mentre Hal  è soggiogato da Karen.

Ma c’è anche qualcosa che funziona, nella seconda Massachusetts. E sono, ancora una volta, gli esseri umani.

Falling Skies: Tom Mason e Anne Glass con la piccola Alexis

Infiltrarsi in un campo nemico è un’idea che richiede coraggio, creatività e una certa dose d’incoscienza. Visitare e confortare i soldati feriti è un dovere, ma non è scontato.

La lealtà di Weaver, la passione di Maggie e la determinazione di Anne, che ora può liberare ogni persona dai parassiti alieni, si uniscono all’intraprendenza dei combattenti, pronti a rischiare la vita ogni giorno.

Sono passati sette mesi dagli eventi che avevano chiuso la seconda stagione, e il mondo continua a lottare per sopravvivere.

La chiave di questi primi episodi, e di gran parte della serie, è qui: nella reazione all’emergenza, nella capacità di adattarsi, nell’accelerazione di un’evoluzione necessaria.

Mentre si combatte, si fortificano anche i rifugi, si diffida dei nuovi venuti e si cercano risorse.

Proprio come in The Walking Dead. Con la differenza che, qui, la situazione è complicata dalla presenza aliena. E dalla sua tecnologia…

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.