FOX  

Falling Skies 3: la recensione dei primi due episodi

di -

Falling Skies è tornato. E lo ha fatto alla grande: abbiamo assistito a colpi di scena e importanti cambiamenti in questi primi episodi della terza stagione.

Falling Skies: il discorso di Mason 3x02

339 condivisioni 70 commenti 4 stelle

Share

Lo schema-base di Falling Skies, anche in questa terza stagione, non è cambiato.

La Resistenza guidata da Tom Mason, eletto Presidente degli Stati Uniti, continua a pianificare missioni e a rischiare la vita per portarle a termine.

La guerra contro gli Espheni, gli alieni “padroni” che comandano i Mech, gli Skitter e la new entry della stagione, i Mega Mech, non si può fermare.

Nelle missioni di questi primi due episodi, Tom continua a guidare i suoi uomini in battaglia, dimostrando che un vero leader dà sempre il buon esempio.

A cambiare, semmai, è lo scenario. L’aiuto dei Volm, la razza aliena nemica degli Espheni, si rivela fondamentale in più di una situazione, ma lo scetticismo degli umani è giustificato.

Come gli Skitter ribelli, anche i Volm non godono della fiducia dei nostri, il che contribuisce a tenere sempre alta la tensione e a sollevare il problema dell’accettazione del diverso, della difficoltà nel credere nel cambiamento altrui.

Falling Skies: un Mega Mech

E mentre un alleato, Arthur Manchester, esce di scena per mano della spia (di cui aspettiamo di conoscere l’identità), un nuovo personaggio fa il suo ingresso: è il dottor Kadar (Robert Sean Leonard), il genio della lampada della situazione.

Insieme ai ragazzini che giocano con la dinamite e alle schermaglie amorose fra i personaggi, ha il compito di sottolineare come la vita continui. Sempre. Perfino nelle condizioni più precarie

Il fascino di Falling Skies sta tutto qui: in una serie che, sullo sfondo di un mondo intento a resistere all’invasione aliena, continua a essere quello di sempre.

Genio e sregolatezza, ragazzini ribelli, amori e gelosie: l’umanità prevale e si contrappone agli alieni per ricordarci la bellezza della nostra imperfezione. Mentre la neonata Alexis (il cui sviluppo precoce ricorda la Elizabeth di Visitors), serve invece a sottolineare come il mondo sia effettivamente cambiato, per quanto gli uomini seguitino a fare sempre le stesse cose.

E come i segreti, in guerra, siano ancora più pericolosi che in tempo di pace.

Tutto, in questi primi due episodi della nuova stagione, ruota attorno a ciò che non funziona fra i sopravvissuti: gli esseri umani. Pope continua a remare contro, dimostrandosi un elemento sempre più destabilizzante, mentre Hal  è soggiogato da Karen.

Ma c’è anche qualcosa che funziona, nella seconda Massachusetts. E sono, ancora una volta, gli esseri umani.

Falling Skies: Tom Mason e Anne Glass con la piccola Alexis

Infiltrarsi in un campo nemico è un’idea che richiede coraggio, creatività e una certa dose d’incoscienza. Visitare e confortare i soldati feriti è un dovere, ma non è scontato.

La lealtà di Weaver, la passione di Maggie e la determinazione di Anne, che ora può liberare ogni persona dai parassiti alieni, si uniscono all’intraprendenza dei combattenti, pronti a rischiare la vita ogni giorno.

Sono passati sette mesi dagli eventi che avevano chiuso la seconda stagione, e il mondo continua a lottare per sopravvivere.

La chiave di questi primi episodi, e di gran parte della serie, è qui: nella reazione all’emergenza, nella capacità di adattarsi, nell’accelerazione di un’evoluzione necessaria.

Mentre si combatte, si fortificano anche i rifugi, si diffida dei nuovi venuti e si cercano risorse.

Proprio come in The Walking Dead. Con la differenza che, qui, la situazione è complicata dalla presenza aliena. E dalla sua tecnologia…

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.