FoxCrime  

5 curiosità sul discusso processo giudiziario su O.J. Simpson

di -

L'ex giocatore di football americano, O.J. Simpson è stato accusato di uxoricidio nel 1994. Ecco alcune curiosità sul discusso processo che l'ha visto protagonista.

O.J. Simpson a mani alzate durante il processo

340 condivisioni 7 commenti 4 stelle

Share

Il caso O. J. Simpson è sicuramente uno dei processi più discussi d’America che, nel 1994, ha tenuto incollati al televisore un gran numero di spettatori.

Vorreste conoscere più a fondo i retroscena di questo eclatante processo? Ecco per voi 5 curiosità su questo importante avvenimento di cui si sa davvero poco.

1) Dopo l'assoluzione di O.J. Simpson, si è consegnato alla giustizia Glenn Rogers per l'omicidio di Nicole Brown e Ronald Goldman. Aveva con sé anche un coltello insanguinato che pare combaci con il DNA trovato sui due corpi. Le affermazioni di Rogers non sono ancora state confermate e ancora il movente non è chiaro.

2) La mattina dell'omicidio Paula Barbieri, l'allora compagna di O.J., lo chiamò per avvisarlo che lo stava lasciando per volare a Las Vegas da Michael Bolton. Appena scoprì che il compagno era indagato, tornò ben presto da lui e rimase in sua compagnia fino al verdetto finale.

3) Stando ai sondaggi di Nielsen e Sony, il verdetto del caso O.J. Simpson è stato uno dei più seguiti della TV americana. È al terzo posto dietro l'11 settembre e l'uragano Katrina.

4) Dopo l'esito del processo, O.J. ha organizzato un mega party nella sua villa per festeggiare la sua non colpevolezza. Non si è fatto mancare nulla, infatti la madre è arrivata in Rolls Royce e più di 40 magnum di champagne vennero ordinati. Fuori dall'abitazione però molti manifestanti gridavano allo scandalo, dandogli del colpevole.

5) O.J. Simpson è finito comunque in prigione: attualmente infatti sta scontando una pena di 33 anni per rapina a mano armata e sequestro di persona.

Non perdetevi Il caso O.J. Simpson: American Crime Story, dal 6 aprile in prima visione assoluta su FoxCrime.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.