FoxLife

Il Cacciatore E La Regina Di Ghiaccio, Charlize Theron incanta Milano

di -

Charlize Theron incontra la stampa milanese durante la promozione di Il Cacciatore E La Regina Di Ghiaccio e parla di Ravenna, di suo figlio e dei principi azzurri.

L'attrice Charlize Theron

74 condivisioni 1 commento

Condividi

In Il Cacciatore E La Regina Di Ghiaccio interpreta la manipolatrice e malvagia regina Ravenna, dal vivo appare subito come una star con i piedi ben piantati a terra. Charlize Theron è professionale, pacata e capace di dare risposte mai banali alle domande dei giornalisti. L'attrice è tornata a interpretare la perfida Ravenna nel sequel di Biancaneve E Il Cacciatore. In occasione della presentazione alla stampa italiana, ha risposto alle domande dei giornalisti milanesi. 

Vestita di una semplice camicetta color sabbia abbinata a una minigonna nera, la vincitrice del premio Oscar per Monster e interprete di Furiosa in Mad Max: Fury Road si dimostra da subito soddisfatta di essere tornata a vestire i panni di Ravenna

Già nel primo film era stato elettrizzante poter rendere contemporanea quest'icona, liberandola dei capelli nerissimi e delle sopracciglia disegnate, concentrandosi sulle sue paure. Per come la penso io, quando Ravenna chiede allo Specchio chi è la più bella del reame, lei è davvero spaventata mentre attende di scoprire quale sarà la risposta. 

Quando però qualcuno le fa notare che è l'ennesimo ruolo di donna forte dopo l'iconica Furiosa di Mad Max: Fury Road, Charlize Theron si ribella:

Mi chiedono spesso se sono una donna forte o sensibile, glamour o casual...perché non possono essere tutte queste cose? Io mi sento così. Riguardo a Furiosa e Ravenna, credo che ad unirle sia la necessità di lottare per la sopravvivenza, ma la loro condizione è ovviamente diversa. Alla regina basta schioccare le dita per ottenere ciò che desidera, mentre Furiosa vive in un mondo apocalittico dove è a rischio la sopravvivenza dell'umanità. Credo inoltre che Ravenna sia di indole crudele. 

Come molte star e mamme, anche a Theron capita spesso di citare i suoi pargoli. In particolare ha raccontato divertita dell'ossessione di suo figlio per il film Disney Frozen. Da questo spunto l'attrice ha tratto una riflessione più ampia, dicendosi felice che il piccolo apprezzi una pellicola che insegna a bambini e bambine l'importanza di un tipo di amore diverso da quello romantico. Charlize Theron insomma è felice che suo figlio apprezzi una storia che ruota attorno all'affetto che provano due sorelle.

Peccato che la sua Ravenna non sia un buon esempio di affetto fraterno nei confronti della sorella Freya (interpretata da Emily Blunt), come si intuisce da alcuni passaggi del trailer del film

Se nessuno ha osato chiedere alla statuaria attrice notizie riguardo alla sua recente rottura con Sean Penn, c'è stato comunque tempo per parlare anche di mondanità. Interrogata sugli splendidi costumi di Ravenna, Charlize Theron ha lodato genio della costumista Colleen Atwood, che ha anche curato gli abiti gotici del nuovo film di Tim Burton.

L'attrice ha però confermato che anche nelle fiabe cinematografiche chi bella vuole apparire deve soffrire. Theron ha rivelato che lei e Emily Blunt erano solite provare le loro scene in abiti casual. Al momento di indossare le regali vesti di Ravenna (corsetti, corone, elaboratissime acconciature e gioielli scintillanti) Charlize Theron sentiva che tanto splendore le dava la forza necessaria a interpretare la malvagia regnante. Dopo otto ore sul set però, strizzata in questi scomodi e pesantissimi costumi, si sentiva come se anche proprio quell'opulenza le togliesse energia e si sentiva esausta.

Sul tema dei principi azzurri, o della loro presunta scomparsa, Charlize Theron torna a vestire i panni della femminista ragionevole e a citare suo figlio. Quando le fanno domande sul femminismo, confessa, le chiedono spesso cosa dica a sua figlia. La star è invece concentrata sul ragazzo, affinché diventi il gentleman rispettoso della donne che lei desidera. Insomma, l'attrice sudafricana crede fermamente che il femminismo non sia una faccenda per sole donne: 

Talvolta si tende ad escludere i maschi dal discorso femminista, ma credo sia sbagliato: io sono una femminista che ama gli uomini. Non arriveremo ma ad ottenere l'eguaglianza che chiediamo se non coinvolgiamo anche loro in questo processo. 

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.