Disney è già al lavoro sul sequel del Libro della Giungla

di -

Gli Studi Disney hanno già in programma un sequel del Libro della Giungla, il live-action che racconterà le avventure del giovane cucciolo d'uomo Mowgli.

Mowgli faccia a faccia col serpente Kaa

0 condivisioni 0 commenti

Share

Il Libro della Giungla deve ancora fare il suo debutto nei cinema, ma Disney è già al lavoro sul sequel.

I personaggi di Rudyard Kipling continueranno la loro avventura in un secondo capitolo, basato sui racconti del celebre autore. Come riportato da The Hollywood Reporter, il regista Jon Favreau e lo sceneggiatore Justin Marks hanno già aperto le trattative con lo studio di produzione per il loro ritorno a capo dell'opera.

Anche Brigham Taylor, che ha prodotto il film insieme al regista, dovrebbe tornare a raccontare le avventure del giovane Mowgli. Nel film in uscita, il ruolo è stato affidato al giovane Neel Sethi, che rappresenta anche l'unico protagonista umano del film.

Le prime recensioni del Libro della Giungla sono decisamente entusiaste del nuovo live-action Disney.

Dall'incredibile cast vocale agli straordinari effetti CGI, la pellicola sembra aver conquistato con facilità il favore della critica - e dovrebbe fare altrettanto con il pubblico, una volta che sarà arrivato nei cinema. La prova finale avrà inizio tra pochissimo: il 14 aprile 2016 in Italia.

Il risultato non sorprende troppo. Il film aveva già colpito per i suoi talenti creativi, e s'inserisce nel nuovo fluire di rivisitazioni in formato live-action dei Classici che hanno portato fortuna a Disney. Dopo Alice e Malefica, la lista di storie pronte a tornare sul grande schermo non fa che crescere, mentre lo Studio trova nuovi punti di vista e nuove tecniche per riproporle al proprio pubblico.

Neel Sethi interpreta Mowgli nel Libro della GiunglaHD©Disney

Chi, forse, sarà poco contento di questo successo è Warner Bros. Lo studio sta sviluppando un proprio adattamento del Libro della Giungla: diretto da Andy Serkis, questo live-action dovrebbe arrivare nel 2018. E chissà che non si scontri proprio col sequel di Favreau.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.