FOX

Si torna nella giungla! La recensione in anteprima de "Il libro della Giungla"

di -

Il 14 aprile arriverà al cinema il live action 3D della Disney, a distanza di quasi cinquant'anni dal film d'animazione. Noi lo abbiamo visto e ve lo raccontiamo in anteprima!

Mowgli e Baghera - Il libro della giungla

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

L’orso Baloo cantava “ti bastan poche briciole, lo stretto indispensabile” e noi da bambini (ma non solo) ci agitavamo canticchiando, cercando di ballare come lui e Mowgli nel classico Disney Il Libro della giungla. Ispirato al  romanzo di Rudyard Kipling il film d’animazione del 1967 ottenne un gran successo di pubblico, ed oggi, a quasi cinquant’anni dalla sua uscita in sala, arriva al cinema il live action 3D della Disney che ricalca le orme di questo grande classico.

A dar vita agli animali, molto più realistici e umani, nelle loro specificità caratteriali, sono i voice talent. In Italia per la voce della pantera Baghera è stato scelto Toni Servillo, a dar vita a mamma lupa, Raksha, è Violante Placido, Giovanna Mezzogiorno riprende il ruolo che nella versione originale è interpretato da Scarlet Johansson, il serpente Kaa, mentre Giancarlo Magalli interpreta un eccezionale King Louie, il gigantesco orango a capo delle scimmie. Il compito più difficile spetta a Neri Marcorè, che deve dar voce proprio all’orso Baloo.

Ciò che sorprende di più del film live action non sono le piccole modifiche rispetto il film d’animazione, giustificabili inoltre per una maggior aderenza con la realtà, soprattutto con l’istinto animale dei personaggi. Colpisce soprattutto la verosimiglianza di tali animali realizzati in CGI, tanto da rendere realistico un mondo che, a tutti gli effetti, non può essere tale.

A distanza di quasi cinque decadi cambia inoltre il messaggio di cui il film si fa portatore, seppur in maniera manichea. Nel caos della giungla, dove convive un melting pot di razze diverse, ci sono regole che tutti rispettano, nonostante l’istinto animale si unisca a quello della sopravvivenza. Anche la temibile Shere Khan, la tigre che da la caccia a Mowgli, ha le sue ragioni, ma non rispettando quelle stesse leggi subisce un destino più beffardo rispetto al film d’animazione.

Sempre più i film Disney si rivelano dunque dei capolavori dedicati non solo ai bambini, soprattutto agli adulti, e Il libro della giungla non è da meno. 

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.