FOX

Embassytown, China Miéville torna in italia con il primo romanzo sci-fi

di -

Ritorna in questi giorni in libreria il celebre autore fantastico China Miéville. Fanucci ha pubblicato in italiano il suo primo romanzo fantascientico, Embassytown.

Un dettaglio della copertina di Embassytown

34 condivisioni 8 commenti

Condividi

Dopo un lungo periodo di silenzio i fan italiani dello scrittore fantastico China Miéville potranno tornare ad esplorare i suoi mondi fantastici. Da qualche giorno infatti Fanucci ha portato in libreria e nei negozi digitali Embassytown, il primo romanzo dell'autore di chiara matrice fantascientifica. 

Pubblicato nel 2011 nel Regno Unito e accolto da critiche calorose (compresa quella della leggenda della sci-fi Ursula K. LeGuin) Embassytown ha vinto il Locus Award ed è stato nominato nel 2012 sia al premio Hugo che al Nebula, i maggiori riconoscimenti letterari per la letteratura di genere fantascientifico.

Embassytown

Il primo romanzo spiccatamente fantascientifico di China Miéville verte attorno alle vicende di una città nella città: Embassytown è l'insediamento umanoide ospite della razza aliena autoctona su Arieka, uno dei pianeti posti al limitare dell'universo esplorato. L'ambasciata di Bremen, centro focale dell'impero dell'uomo diaspora (la razza umana all'indomani della scoperta di un sistema per coprire grandi distanze interstellari detto immer) regola la vita della città e i rapporti con la popolazione aliena locale.

Embassytown è retta dal staff dell'Ambasciata e dalla figura cardine degli Ambasciatori. Clonate e rigidamente istruite, queste coppie identiche di emissari umani sono le uniche in grado di parlare con una simultaneità di voci e intenti tale da essere compresa dagli Ariekei.

Fanucci pubblica in Italia Embassytown di China MiévilleHDPan Macmillan
La copertina della nuova edizione inglese

Il centro narrativo del romanzo è infatti il Linguaggio, la misteriosa lingua che usano i padroni di casa per comunicare. Non solo richiede la simultaneità di due voci e due menti per essere comprensibile, ma può esprimere concetti solo strettamente riferiti al reale di cui si ha esperienza. Non esiste astrazione né menzogna nel mondo degli Ariekei, tanto che ciò che non rientra nel Linguaggio non sembra nemmeno essere comprensibile per loro. 

A narrare le vicende della sua città è Avice Benner Cho, nata ad Embassytown e poi partita in qualità di Immerser (chi si occupa di governare gli spostamenti nell'immer). Per amore del marito linguista, tornerà alle sue origini, proprio nel momento di un cambiamento epocale.

Avice è stata trasformata da bambina in una similitudine del linguaggio, ovvero le è stato ordinato di eseguire un'azione voluta dagli alieni, in modo da poter diventare una figura espressiva nel loro Linguaggio. Mentre alcuni Ariekei cominciano a dimostrare uno strano interesse per lei e altre similitudini, un nuovo, sorprendente ambasciatore si appresta ad arrivare in città direttamente da Bremen, causando una rivoluzione sul pianeta.

China Miéville 

Nato a Norwich nel 1972, China Miéville è a oggi uno degli scrittori di genere più acclamati dalla critica, che ne riconosce l'alto valore letterario delle opere. Impegnato politicamente (si è candidato alle elezioni del 2001 e compare tra i fondatori della Left Unity), è da sempre molto critico verso gli stilemi classici della letteratura fantastica alla J.R.R. Tolkien, tanto da diventare lo scrittore portabandiera della new weird. Questo sottogenere letterario teorizzato da Jeff VanderMeer (di cui vedremo nel 2017 l'adattamento cinematografico di Annihilation con Oscar Isaac) fonde elementi fantastici a toni horror. 

Arriva nelle librerie Embassytown di China Miéville HDFanucci
La copertina dell'edizione Fanucci

China Miéville è un grande costruttore di mondi alieni, di realtà altre, solo parzialmente comprensibili alla mente umana. Una delle caratteristiche peculiari della sua scrittura è il continuo cambio di atmosfere e sottogeneri letterari, tanto da approdare alla fantascienza con Embassytown. Il suo capolavoro ad oggi è considerato l'imponente romanzo Perdido Street Station.

Mentre i lettori italiani s'immergeranno nella realtà di Embassytown, i fan inglesi attendono da tempo il nuovo romanzo dell'autore, che nell'ultimo periodo si è dedicato prevalentemente alle forme di narrativa breve. L'anno scorso è uscita la raccolta di storie brevi Three Moments Of An Explosion, mentre all'inizio di quest'anno è stato pubblicato il racconto lungo This Census Taker, entrambi inediti in Italia.

Leggi tutte le recensioni di libri su MondoFox

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.