FoxLife   

Jamie Lee Curtis: "Sono stata tossicodipendente"

di -

In un toccante editoriale, scritto per l'Huffington Post in occasione della morte di Prince, l'attrice Jamie Lee Curtis confessa di aver sofferto di dipendenza da oppiacei.

Primo piano di Jamie Lee Curtis

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

"Fermare il dolore", così Jamie Lee Curtis ha titolato il suo editoriale per l'Huffington Post, facendo riferimento ad un problema che le ha dato serio filo da torcere per diversi anni, la dipendenza da analgesici ed oppiacei.

La morte di Prince e le relativi indagini, che sempre più insistentemente sembrano condurre al decesso per overdose, hanno scoperchiato il vaso di Pandora solleticando una ferita ancora aperta e dolorante per l'attrice 57enne.

In attesa dell'ultimo esame tossicologico, si è scritto sul New York Times che Prince era tossicodipendente. Lo capisco, perché anch'io lo ero. Anche io attendevo con ansia la ricetta per il farmaco dal quale avevo segretamente sviluppato una dipendenza e mi sono ritrovata ad assumerne troppi, tutt'insieme. Anch'io cercavo di fermare il dolore fisico ed emotivo servendomi degli antidolorifici, per annientarlo. Fermarlo.

Primo piano di Jamie Lee CurtisHDGetty

Quella della dipendenza da analgesici è per la Curtis una piaga sociale, purtroppo molto sottovalutata dalle istituzioni. Pare, però, che qualcosa stia finalmente per cambiare.

Sembra che adesso governo, AMA, FDA e media stiano iniziando a occuparsi della dipendenza da oppiacei. Sono state fatte delle riclassificazioni e dei tentativi per limitare gli eccessi delle prescrizioni. La maggior parte di coloro che finiscono per diventarne dipendenti, come me, lo fanno dopo aver assunto antidolorifici prescritti in seguito a un intervento chirurgico. Spesso, però, è troppo tardi.

L'attrice - che ha interpretato la madre di Jess in New Girl e la perfida Cathy Munsch in Scream Queens - si è disintossicata da 17 anni.

Le sue parole, seguite ai tanti, troppi rumors che si affollano sulla morte di Prince, suonano come un atto di amore e di coraggio.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.