FOX

#StarringJohnCho: il web sostiene (di nuovo) le minoranze a Hollywood

di -

Dopo il supporto agli artisti afroamericani, il web sostiene il diritto alle pari opportunità per la minoranza asiatica a Hollywod con l'hashtag #StarringJohnCho.

L'attore John Cho a un evento ufficiale

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Da #OscarSoWhite a #StarringJohnCho, il web si mobilita di nuovo per le pari opportunità delle minoranze a Hollywood.

Dopo la tempesta di critiche che ha travolto l'Academy per la mancanza di nomination di artisti di colore agli Oscar 2016, ora a essere biasimata è l'intera industria cinematografica, che non affida ruoli rilevanti a interpreti di nazionalità asiatica.

Stavolta, però, la polemica lascia il posto all'ironia.

L'hashtag che sta facendo tendenza in questi giorni su Twitter, infatti, nasce dall'iniziativa dell'esperto di marketing digitale William Yu di creare dei poster fake di blockbuster di Hollywood, con l'attore di origini coreane John Cho al posto dei reali protagonisti.

In un'intervista a The New York Times, Yu ha spiegato di aver iniziato a pensare al progetto dopo la campagna #OscarSoWhite, perché quest'ultima ha affrontato il problema dei diritti delle minoranze a Hollywood in maniera restrittiva:

È stata una discussione molto bilaterale. Da una parte c'erano i bianchi e dall'altra gli Afroamericani.

L'assenza di pari opportunità nel mondo del cinema, invece, riguarda anche altre etnie, tra cui quella asiatica.

Un prova, per esempio, è la scelta di Scarlett Johansson per il ruolo del Maggiore Motoko Kusanagi (di origini non caucasiche) nel live-action Ghost in The Shell.

Come estremo affronto, Paramount e DreamWorks sarebbero impegnate a condurre dei test per rendere orientali i tratti dell'attrice con gli effetti speciali.

E non si tratta di un caso isolato. Molto scalpore, infatti, ha destato anche la decisione di affidare a una donna caucasica, Tilda Swinton, il ruolo di un uomo asiatico, l'Antico, in Doctor Strange, il film Marvel con Benedict Cumberbatch nei panni del protagonista.

Tilda Swinton è l'Antico in Doctor StrangeHDGetty Images
Tilda Swinton è stata scelta per interpretare un uomo asiatico, l'Antico, in Doctor Strange

A convincere Yu a dare forma all'idea che aveva in mente è stata la lettura di uno studio dell'Università della California, secondo cui i film con attori di più nazionalità diverse registrano maggiori incassi.

Quella è stata la molla. Ho pensato: 'Se è vero, allora perché non ci sono attori asiatici in ruoli principali a confermarlo?'. Se Hollywood non lo fa, mostriamole come sarebbe se lo facesse.

Così si è armato di Photoshop e dopo avere scelto quello che secondo lui è l'attore asiatico più noto e promettente nel mondo del cinema occidentale, ha realizzato il sito #StarringJohnCho e invaso il web con la sua ironica protesta.

L'aspetto più surreale della vicenda è che il diretto interessato, ovvero John Cho, non c'entra niente con l'iniziativa di Yu, come quest'ultimo ci tiene a precisare in ogni intervista e ha messo nero su bianco anche in un disclaimer sul sito.

Tuttavia, l'interprete di Star Trek Beyond - di cui sono state rilasciate nuove immagini pochi giorni fa - ha mostrato di apprezzare l'idea dell'intraprendente esperto di marketing e ha dato la sua "benedizione" al progetto in modo inequivocabile su Twitter:

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.