Robin Wright chiede lo stesso stipendio di Kevin Spacey (e lo ottiene)

di -

L'attrice Robin Wright ha preteso di essere pagata quanto il collega Kevin Spacey, con lei sul set di House of Cards. A quanto pare la sua richiesta è stata accolta.

Primo piano di Robin Wright

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Qualcosa sta davvero cambiando ad Hollywood.

Le donne sembrano aver raggiunto maggiore potere o, comunque, sono sicuramente più determinate di un tempo a vedere riconosciuti i propri diritti, alla pari dei colleghi uomini, e a far sentire la propria voce.

Non sorprende, quindi, che mentre Susan Sarandon ambisce a dedicarsi alla regia di porno - a sua detta troppo poco attenti alla sensibilità femminile - Robin Wright abbia condotto (vincendola) la sua personale crociata per la parità di compenso tra attori e attrici.

Primo piano di Robin Wright e Kevin SpaceyHDGetty

La Wright, impegnata sul set di House of Cards al fianco di Kevin Spacey (Frank Underwood nella serie), ha preteso da Netflix di essere pagata quanto il suo collega.

L'occasione galeotta per accendere i riflettori sulla questione è stato un evento tenutosi alla Rockfeller Foundation di New York, durante il quale l'attrice ha presentato il suo nuovo documentario When Elephants Fight dedicato alla crisi in Congo.

Al cospetto di giornalisti e attivisti, l'attrice ha tenuto a dire la sua a riguardo.

Sono pochissimi i film o le serie tv dove l'uomo, il patriarca, e la donna posso essere considerati sullo stesso piano e in House of Cards è esattamente così. Il personaggio che interpreto, Claire Underwood, è stato molto più popolare di quello di Frank per un certo periodo. Così ho fatto leva su questo. Era come se dicessi loro 'O mi pagate meglio o ne parlerò pubblicamente' ed è proprio così che ho fatto!

Secondo quanto riportato dall'Huffington Post, nel 2014 Spacey ha percepito 500mila dollari per episodio, mentre la collega "solo" 420mila dollari. Si tratta di una differenza piuttosto irrisoria, considerate le cifre di cui si sta parlando, ma indubbiamente immotivata.

Noi, quindi, siamo con Robin Wright!

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.