FOX

Uncharted 4, il capolavoro di Naughty Dog raccontato in 10 foto

di -

10 foto per scoprire Uncharted 4: Fine di un ladro. L'ultimo capolavoro di Naughty Dog regala un'esperienza imperdibile, da vivere tutta d'un fiato sulle nostre PS4.

Un primo piano di Nathan Drake da Uncharted 4: Fine di un ladro

173 condivisioni 20 commenti 5 stelle

Share

Dallo scorso 10 maggio possedere una PlayStation 4 è ancora più bello.

L'uscita di Uncharted 4: Fine di un ladro ha finalmente segnato un punto di svolta nella line-up della console di ultima generazione a marchio Sony, dando in pasto al pubblico la prima vera killer application per la piattaforma giapponese.

Sì perché, senza giri di parole, l'ultima avventura di Nathan Drake e di suo fratello Sam è un capolavoro a tutto tondo, un titolo che da solo vale l'acquisto del gioiellino tecnologico creato dalla compagnia di Shuhei Yoshida.

E se è vero che sulle pagine di MondoFox coltiviamo anche il sacro fuoco della passione videoludica, capirete allora che perdere il treno di questa incredibile esclusiva era praticamente impossibile. 

Quella messa sul piatto da Uncharted 4 è un'esperienza da giocare, vivere, consumare e sì, anche da fotografare. Le infinite volte in cui abbiamo utilizzato il tasto SHARE presente sul DualShock 4 giustificano la presenza del sontuoso Photo Mode integrato dai ragazzi di Naughty Dog nel loro progetto più recente e ambizioso. 

E sono proprio i nostri scatti in-game a volervi raccontare il quarto episodio di Uncharted. Tranquilli, non ci saranno spoiler di sorta, ma solo un concentrato di emozioni visive difficilmente riscontrabili in altri titoli.

Il capitolo finale del franchise parte dalle origini, narrando con scene intense l'infanzia burrascosa di Nate ed introducendo nell'impianto narrativo la figura di suo fratello Sam. I due ragazzini vivono ai margini della società, dando vita alla loro "leggenda" proprio negli anni più difficili. Dagli stralci di un diario di famiglia, dalle storie piratesche e dalle fantasie tanto care alla fanciullezza nascono allora i fratelli Drake.

Prendendo le distanze dal suo passato, Nathan non è più però l'avventuriero che abbiamo imparato a conoscere e amare. La sua vita è ora fatta di un lavoro di routine e di un matrimonio fin troppo tranquillo con la bella reporter Elena Fisher. L'intesa tra i due è evidente, ma le incredibili cacce al tesoro iniziano a chiedere il conto...

La nuova vita di Drake - scelta per amore della sua bella - è priva di colori e stimoli. Le fughe rocambolesche, le sparatorie e le mancate fortune dei vecchi Uncharted scorrono velocemente sotto gli occhi di noi giocatori e di quelli, ora spenti, dello stesso protagonista. 

Il richiamo dell'avventura risveglia ben presto non solo l'animo impetuoso di Nathan ma anche quello di suo fratello. Creduto morto, Samuel torna per trascinare il presunto erede di Sir Francis in una missione tanto affascinante quanto pericolosa, impossibile da rifiutare per l'eroe plasmato dai "cagnacci" californiani. 

Sulle tracce del tesoro del capitano Every e dell'utopia pirata Libertalia, il dinamico duo coinvolgerà anche volti assai familiari a chi ha già giocato i precedenti capitoli di Uncharted. Poteva un uomo come Victor "Sully" Sullivan non essere della partita? 

Dalla Costiera Amalfitana alla fredda Scozia, Nathan, Samuel e Victor scalano palazzi e scogliere, eliminano gli scagnozzi dei rivali Nadine e Rafe e soprattutto ci regalano alcune delle sequenze d'azione più belle mai viste in un action game

Uncharted 4 è come una birra gelata in un torrido pomeriggio d'estate. Pungente, dissetante e dal gusto corposo, il gioco di Naughty Dog riesce a farci viaggiare per il mondo (fino alle coste selvagge del Madagascar) placando la nostra arsura per poi assetarci di nuovo. 

Come è prevedibile per un titolo del brand, in A Thief's End non mancheranno i pericoli. Il team di sviluppo gioca con la vita di Nate più volte, così come con quella dei gamer. I dialoghi regalano piccole riflessioni sull'esistenza e sul suo valore, consumate in ambientazioni suggestive e quasi oniriche.

Elementi che dimostrano quanto un videogioco possa a tratti definirsi un'opera d'arte contemporanea, accessibile a tutti ma non per questo facilmente comprensibile da chiunque. 

Non vi sveleremo il finale di Uncharted 4, e neppure le sorti dei suoi carismatici personaggi. Con un ultimo scatto bonus vogliamo però catturare le meraviglie di una storia familiare, i suoi piccoli e grandi drammi e le sue verità più intime. "Ogni grande avventura ha un principio, ma è la strada da percorrere, quella che conduce al suo termine, che riserva la vera gloria" - Sir Francis Drake, 1587.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.