FOX  

Quantico: commento a "bene", il diciassettesimo episodio della serie

di -

Un episodio Shelby-centrico dove finalmente vediamo la bellissima cadetta di Quantico confrontarsi con il suo passato. Come al solito, però, le apparenze ingannano.

Uno scatto dell'episodio 17 di Quantico

93 condivisioni 21 commenti

Condividi

Ti voglio bene.

Una frase che permea l'episodio in tutta la sua interezza, nel bene e nel male.

"Bene" si divide equamente tra passato e presente, ma è il primo ad avere il sopravvento emotivo su noi spettatori. Una semplice prova al confine tra Canada e USA è la scusa che permette a Caleb di organizzare l'evento che da troppo tempo Shelby (e noi) aspettavamo: l'incontro con i suoi genitori.

"Ti voglio bene, non è come pensi, l'abbiamo fatto per proteggerti"

Stordenti, dirette, incisive: le parole del padre e della madre di Shelby aprono una ferita mai del tutto richiusa, ma la curano subito con la dolcezza che solo i genitori sanno dare ai propri figli. La co-protagonista di Quantico è assuefatta dal desiderio del ricongiungimento dopo 15 anni con i suoi genitori, ma le emozioni le offusca gli occhi. E ancora una volta è Caleb a riportarci alla realtà.

Perché si sono fatti vivi solo adesso? Perché non prima? Quali sono le loro vere intenzioni? La risposta è da cercare nell'avidità degli uomini: soldi.

E Caleb cade nuovamente in tentazione: per non far soffrire ulteriormente la sua amata, offre una buona uscita ai suoi, minacciandoli di non farsi più rivedere. Un gesto fatto a fin di Bene, poetico per certi versi, ma tremendamente sbagliato.

Sul versante Alex Parrish, invece, la protagonista trova il calore necessario a superare il gelo canadese tra le braccia dell'ex giocatore di football Drew, lasciandosi alle spalle Ryan, che sembrerebbe ormai caduto nel dimenticatoio. Ma se ai tempi dell'accademia tutto sembra filare liscio per l'agente Parrish, nel presente la troviamo in palese difficoltà e in completa balia del terrorista.

Quest'ultimo, infatti, riesce a convincerla a farsi consegnare Will Olsen, obbligando Alex a infrangere almeno una dozzina di leggi federali, rapendo e consegnando un ostaggio ex-amico ad un terrorista.

Ed è qui che arriva il colpo di scena: a guidare la macchina è proprio lei, la donna protagonista di questo episodio, Shelby.

Che sia dunque lei il deus ex-machina dell'intera operazione che ha messo in scacco il Bureau e fatto saltare in aria la Central Station di New York?

Sembrerebbe proprio di sì. Ma se c'è una cosa che abbiamo imparato in Quantico è che nulla è mai come sembra.

Shelby Wyatt
È davvero Shelby la terrorista?

Quantico vi aspetta ogni mercoledì alle 21 in prima assoluta su FOX.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.