FoxCrime  

Cuba Gooding Jr.: "Un mese per riprendermi da Il caso O.J. Simpson"

di -

L'attore statunitense è stato il protagonista di American Crime Story ma a un caro prezzo: gli ci è voluto più di un mese per riprendersi dallo stress delle riprese.

Cuba Gooding Jr mentre interpreta O.J. Simpson

103 condivisioni 10 commenti 4 stelle

Share

American Crime Story è stata la serie TV via cavo più seguita d'America e la splendida interpretazione dei membri del cast è stata certamente una delle chiavi di questo successo.

Tra le tante star che hanno dato prova delle proprie capacità recitative spicca certamente Cuba Gooding Jr., che ha portato in scena un O.J. Simpson praticamente perfetto, da mozzare il fiato.

Stando alle dichiarazioni dell'attore non è stato però facile entrare nel personaggio un percorso che già di per sé è complicato, ma che in questo caso è stato più difficile del previsto.

Ho fatto molta fatica a fare mio questo personaggio. È stata una scalata complicata perché O.J. non è facile da interpretare, protagonista di un evento cardine degli anni '90 che è conosciuto come vera icona (positiva e negativa) di quegli anni.

Una delle scene più emozionanti dell'intera stagione è sicuramente quella dell'episodio 2 in cui prende vita l'inseguimento sulla Ford Bronco, un inseguimento che vede il crollo emotivo di un uomo che finora era stato una vera roccia.

Cuba ha ammesso che, per ricreare al meglio quel momento, ha dovuto studiare molto, sia la psicologia di O.J., sia i tanti materiali originali di quegli anni.

Avevamo molti video di quella giornata e li ho studiati tutti a fondo. È stato un momento di grande isolamento per O.J., che ha messo in mostra tutta la fragilità di quest'uomo che si sente abbandonato da un momento all'altro e ha un vero e proprio crollo.

Tutto questo studio però è stato un'arma a doppio taglio: da un lato un O.J. Simpson emozionante, dall'altra un attore fortemente condizionato e costretto anche a una seduta dallo psicologo dopo aver girato i 10 episodi dello show.

Appena ti immedesimi nel personaggio, lui diventa parte di te. Fai fatica a scrollartelo di dosso, tant'è che ho dovuto far visita a uno psicologo. A fine visita mi ha detto 'è tutto a posto' ma io mi sentivo mentalmente disturbato. Ci ho messo più di un mese per riprendermi.

Un impegno probante per il fisico e soprattutto per la mente ma che ha però lasciato nei nostri ricordi una splendida interpretazione di un attore davvero di livello.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.