FoxLife

Everybody Wants Some, la recensione: Linklater si tuffa negli anni '80

di -

Dopo il commovente Boyhood, Richard Linklater torna a convincere la critica internazionale con una folle esplorazione della vita universitaria di una matricola.

un dettaglio della locandina di Tutti Vogliono Qualcosa

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

È ambientato in Texas nel 1980, ma l'atmosfera è ancora chiaramente calata nei roventi anni '70, con una distesa infinita di baffoni, basette, camicie dalle fantasie improbabili, jeans a vita altissima e shorts femminili che lasciano poco spazio all'immaginazione.
Non poteva essere più lontano di così dal precedente Boyhood (il commovente ritratto della crescita di un ragazzino negli anni '90) il nuovo film di Richard Linklater, Everybody Wants Some!!, che condivide però con il predecessore ottime recensioni e già qualche voce di un possibile sbarco agli Oscar 2017.

Uno dei registi più anticonformisti dello scenario americano odierno torna sui suoi passi e sui toni adottato in La Vita è Un Sogno (Dazed And Confused), pellicola del 1993 di cui questo nuovo lavoro sembra raccogliere il testimone. 

Ecco la recensione di MondoFOX di Everybody Wants Something!!HDParamount Pictures
La locandina di Everybody Wants Something!!

D'altronde siamo ancora una volta in Texas e osserviamo di nuovo la storia dal punto di vista non sempre facile delle matricole. Nel 1993 il pubblico assisteva all'ultimo, folle giorno di liceo di Mitch Kramer e Sabrina Davis, oggi segue la matricola del college Jake (Blake Jenner) nella settimana che precede l'inizio delle lezioni e della stagione sportiva dei campionati nazionali. 

Jake infatti è entrato al college attraverso una borsa di studio sportiva e fa parte della squadra di baseball. Appena arrivato in città, si recherà proprio nella casa che è stata affittata per gli atleti della squadra e da qui partirà la sua iniziazione al mondo agonistico, sportivo e festaiolo del college. 

L'atmosfera di Everybody Wants Some!! mescola elementi tipici dei rituali d'iniziazione (chiaro a più riprese il nervosismo di Jake e delle altre matricole di fronte agli atteggiamenti ora di sfida, ora volutamente ambigui dei veterani della squadra) a quelli senza freni della vita giovanile che rimbalza da un party all'altro. Per allenarsi o pensare all'imminente inizio delle lezioni c'è davvero pochissimo tempo, quando si corre da un locale all'altro, bevendo, addocchiando le ragazze o tentando di venire a capo degli strani comportamenti degli altri membri della squadra, facendo attenzione a non inimicarsi nessuno ma nemmeno a farsi mettere in ombra dalle altre matricole. 

La recensione di Everybody Wants Something!!HDParamount Pictures
Un'immagine di Everybody Wants Something!!

Pur procedendo a un ritmo vertiginoso, con un incombente conto alla rovescia verso l'inizio delle lezioni (tanto che il film può essere letto come la corsa contro il tempo di Jake per adattarsi al suo nuovo habitat prima del suono della campanella), il nuovo film di Richard Linklater fa suo il trend di un certo cinema indipendente statunitense secondo cui la nuova trama è non avere una storia precisa. Everybody Wants Some!! più che una storia è una collezione di episodi, momenti goliardici e sfide continue tra atleti continuamente alla ricerca di motivi di competizione, senza che ci sia un arco narrativo davvero preciso.

Certo l'esperienza è davvero spumeggiante, complice un cast di bravi attori (il più delle volte resi assolutamente irriconoscibili dai tagli di capelli e dai baffi che richiamano la moda dell'epoca) e una regia che incornicia sapientemente il continuo andirivieni dei suoi protagonisti. L'impressione è che però alla fine del viaggio rimanga un'esperienza vertiginosa ma senza un punto preciso, complice anche una visione che cerca profondità di sguardo anche nella superficialità dei suoi protagonisti, salvo poi soffermare distrattamente lo sguardo sulle ragazze, poco più che sfondi piacenti a una storia declinata tutta al maschile. 

Tutti Vogliono Qualcosa sarà nei cinema italiani a partire dal 16 giugno 2016.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.