FOX

Ludovico Einaudi suona tra i ghiacci dell'Artico: l'emozionante video

di -

Il pianista e compositore Ludovico Einaudi, in collaborazione con Greenpeace, ha eseguito un incredibile concerto tra i ghiacci del Polo Nord, in difesa dell'Artico.

965 condivisioni 30 commenti 5 stelle

Share

L'arte si schiera a fianco della natura nell'emozionante video realizzato da Ludovico Einaudi per Greenpeace, in difesa dell'Artico.

Come riporta Ansa, il pianista e compositore italiano ha suonato la sua composizione "Elegy for the Arctic" su un pianoforte collocato sopra una piattaforma galleggiante, davanti alle isole Svalbard, in Norvegia, tra i ghiacci del Polo Nord.

La straordinaria performance è stata filmata da una troupe della ong e diffusa per promuovere la campagna contro lo sfruttamento indiscriminato della regione più a nord del Pianeta.

Ludovico Einaudi suona per Greenpeace tra i ghiacci del Polo NordHDGreenpeace
Ludovico Einaudi suona per Greenpeace, tra i ghiacci del Polo Nord, a favora della difesa dell'Artico

Ludovico Einaudi ha raggiunto il ghiacciaio Wahlenbergbreen a bordo della nave di Greenpeace Arctic Sunrise e non ha potuto trattenere l'emozione, di fronte al maestoso spettacolo offerto dal paesaggio polare:

L'Artico non è un deserto, ma un luogo pieno di vita. Ho potuto vedere con i miei occhi la purezza e la fragilità di quest'area meravigliosa. E interpretare una mia composizione ispirata alla sua bellezza e alle minacce che subisce a causa del riscaldamento globale. Dobbiamo comprendere l'importanza dell'Artico, per proteggerlo prima che sia troppo tardi.

Con il suo gesto, il compositore si unisce agli oltre 8 milioni di persone che hanno firmato l'appello Save the Arctic, rivolto ai grandi della terra, per chiedere di fermare le attività umane invasive nell'Artico, preservandone l'ambiente naturale e proteggendolo dal cambiamento climatico.

Ludovico Einaudi aderisce alla campagna Save the Arctic di GreenpeaceHDGreenpeace
Il pianista e compositore Ludovico Einaudi è testimonial della campagna Save the Arctic di Greenpeace

L'iniziativa di Greenpeace con il pianista e compositore - figlio dell'editore Giulio Einaudi e nipote del presidente della Repubblica dal 1948 al 1955, Luigi Einaudi - si è svolta alla vigilia di un'importante riunione dell'OSPAR (Convention for the Protection of the Marine Environment of the North-East Atlantic), il cui obiettivo è quello di trasformare in area protetta oltre 226mila chilometri quadrati di Mar Glaciale Artico.

Tuttavia, per quanto fondamentale per la sopravvivenza non solo della regione polare, ma di tutto il pianeta, il progetto è fortemente ostacolato dai governi di Norvegia, Danimarca e Islanda, che stanno facendo pressioni per impedirne la realizzazione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.